Antella in piazza dopo la spaccata alla gioielleria. Il sindaco convoca un’assemblea popolare

[st-gallery id=”5566404d89515″]

Alcuni commercianti di Antella sono scesi in piazza stasera per testimoniare solidarietà alla gioielleria Giovannoni, obiettivo dei ladri la notte scorsa per la seconda volta in pochi giorni, e per testimoniare la volontà di reagire. L’iniziativa promossa da Sandra Baragli come coordinatrice del Pd di Antella e come commerciante (macelleria Paoletti), ha visto la partecipazione di una quarantina di persone.

Primi provvedimenti – E’ intervenuto anche il sindaco Francesco Casini che ha comunicato alcuni provvedimenti che l’amministrazione comunale metterà in campo da subito. Una maggior presenza da parte della polizia municipale, contatti con l’Associazione nazionale carabinieri per un servizio di sorveglianza sul modello di quello messo in atto il venerdì sera in occasione del Pavoreal alla discoteca. Confermata a breve l’installazione di una telecamera in piazza Peruzzi.

 Assemblea popolare – Annunciata la convocazione di un’assemblea pubblica, già fissata per mercoledì 3 giugno alle 21 nei locali soci coop, alla quale parteciperanno, oltre all’amministrazione comunale, il comandante provinciale dei carabinieri, il comandate della stazione di Ponte a Niccheri maresciallo Bonafede, il comandante della polizia municipale Fusi. In quell’occasione verrà fatto il punto sugli ultimi episodi di criminalità e fornite alla popolazione alcune informazioni utili per aumentare il controllo sociale della zona e elevare l’attenzione verso ogni dettaglio che possa essere d’aiuto alle forze dell’ordine.

Le indagini – Sul piano strettamente investigativo, l’ipotesi è che i tre banditi che hanno colpito la vetrina della gioielleria siano gli stessi del colpo precedente. Stesso abbigliamento (tute bianche per ripararsi dalla polvere dei vetri blindati infranti) e stesso modo di agire. Potrebbe trattarsi di una banda arrivata da fuori che, dopo alcuni colpi, probabilmente si sposterà in un’altra zona.

Rispondi