La Montisona parte con lo spogliarello del sindaco Casini. Inaugurata la passeggiata lungo l’Isone

[st-gallery id=”558a593d2aa59″]

 

Prima il taglio del nastro per inaugurare la ritrovata passeggiata lungo il torrente Isone. Poi via fascia tricolore, giacca e pantaloni lunghi per partecipare alla Montisona, corsa podistica organizzata dalla Fratellanza popolare di Grassina. Il sindaco Francesco Casini ha dato vita ad un singolare spogliarello alla Fregoli per passare dal ruolo di primo cittadino a quello di atleta. L’occasione è stata l’inaugurazione del percorso pedonale lungo l’Isone grazie ai lavori effettuati dal Consorzio di bonifica 3 Medio Valdarno con lo scopo di sistemare argini e corso del torrente.

“L’intervento – ha detto il sindaco Casini -, ha visto la risistemazione del vecchio percorso lungo l’Isone ed ha un duplice scopo: da un lato, rendere possibile l’accesso ai mezzi operativi del Consorzio per consentire, grazie a questa pista di servizio, una più agevole manutenzione delle sponde e una maggiore sorveglianza del corso d’acqua,  dall’altro, grazie alla stesa del manto di rifinitura da parte del Comune, rendere fruibile a tutti i cittadini questo bell’angolo di Antella per camminate, passeggiate in bicicletta, attività sportive e tempo libero”. “Un altro corso d’acqua si arricchisce di una infrastruttura fondamentale per le attività di bonifica e non solo – ha aggiunto il presidente del Consorzio Marco Bottino –. Questo è il modello che noi vorremmo adottare per i principali fiumi e torrenti del nostro territorio, nonostante spesso scarso senso civico e una normativa ancora incerta impediscano la libera percorribilità di argini e sponde”. Quindi il via alla gara podistica, dato dalla vicesindaca Ilaria Belli e la prima “passeggiata di collaudo”.

Le mie impressioni: percorso godibile, recuperati luoghi cari a molti cittadini dell’Antella (come la pescaia del fico) che su quelle sponde hanno trascorso ore spensierate della loro adolescenza. Sarebbe utile, ma pare sia in contrasto con le norme idrauliche, una staccionata per frenare l’eventuale impeto di ragazzini in corsa o in bicicletta a rischio di capitombolo nel torrente. Lo stabilizzato gettato lungo il percorso è di taglio non troppo fine e può creare qualche problema alle caviglie di chi corre e alle biciclette, anche perché non rullato. Manca la cartellonistica per indicare le varie destinazioni che si possono raggiungere attraverso i sentieri che si incontrano (Osteria Nuova, Cimitero, Montisoni). Su quest’ultimo aspetto il sindaco sta cercando uno sponsor che si accolli le spese.

 

Rispondi