Il Pd ripolese scommette sul “settore giovanile”. Primo esame: la Festa dell’Unità

Piarulli-BongiIl Pd ripolese si affida al proprio “settore giovanile”. Con il segretario comunale dimissionario e i circoli sempre meno frequentati, è ai Giovani Democratici che è stato affidato il compito di curare e organizzare gli appuntamenti, non solo politici, alla festa dell’Unità che si apre stasera sul prato di Mondeggi, a Capannuccia. “Il nostro è un nucleo di giovani molto attivo, ci siamo impegnati sui dibattiti ma anche sugli appuntamenti musicali”,  dicono il segretario Marco Piarulli e il consigliere comunale Leonardo Bongi, che insieme a Mirko Sulli e Guido Gherardi sono i punti di riferimento del gruppo. “Abbiamo cercato di spaziare su tutti i temi, senza aver paura di affrontare anche quelli più spinosi per il Pd, come per esempio la scuola – dice Piarulli – Qualcuno ci ha chiesto: ma in questo momento conviene? La convenienza non è una nostra preoccupazione. Ci preme offrire un’occasione per discutere e approfondire”. Ecco quindi che il programma prevede l’onorevole Elisa Simoni a parlare di welfare, con lo specifico aspetto del confronto tra diverse generazioni: chi è già in pensione, chi è vicino, chi è ancora molto lontano. Sulla scuola sarà di scena la senatrice Rosa Maria Di Giorgi. Sul ruolo dell’Europa, l’europarlamentare Nicola Danti. Ci sarà anche spazio per conoscere più direttamente  Fiammetta Capirossi  e Serena Spinelli, le due elette in Consiglio regionale nel collegio di cui faceva parte anche Bagno a Ripoli. “In ogni incontro – aggiunge Bongi – sarà fondamentale l’apporto del pubblico con le proprie domande”. Il programma targato Giovani Democratici si caratterizza anche per il coinvolgimento di altre associazioni giovanili come gli scout e il gruppo Elba. Accanto all’impegno, la parte ludica, a cui i giovani dem tengono particolarmente per favorire il coinvolgimento dei visitatori. Grande spazio alla musica e al cibo con l’allestimento di una serata di cucina spagnola e una di cucina Usa, la classica serata dedicata alla pecora campigiana e un’altra per il peposo legato ai vini di zona con la lezione di un enologo. Farà il bis la gara di torte, uno dei successi della scorsa edizione. Festa dell’Unità come primo banco di prova per dimostrare che il Pd ripolese può camminare sulle gambe dei suoi under. E forse anche ricominciare a correre.

Rispondi