Raccolta differenziata: Bagno a Ripoli batte la fiacca

Nonostante gli sforzi del’assessore all’ambiente Enrico Minelli, la riorganizzazione del servizio raccolta rifiuti e la presenza dell’ecostazione di Campigliano, Bagno a Ripoli resta, fra i comuni della provincia di Firenze, nelle posizioni di coda per la raccolta differenziata. L’Agenzia regionale recupero risorse (Arrr) ha reso pubblici i dati relativi al 2014. Numeri che non hanno bisogno di interpretazione e che, se da un lato colpevolizzano l’amministrazione pubblica, dall’altro mettono sotto accusa anche tutti noi, abitanti del comune, troppo spesso avvezzi alla pigrizia nel buttare ancora tutto nel cassonetto dell’indifferenziata.

Secondo i dati di Arrr, Bagno a Ripoli (25.700 abitanti certificati) nel 2014 ha prodotto 14.158 tonnellate di rifiuti: la raccolta differenziata certificata risulta pari al 58,35%. In provincia di Firenze ci sono 25 comuni che hanno fatto meglio e 16 che hanno fatto peggio. Fra i super promossi tutti i centri dell’Empolese che superano il 90% (Gambassi arriva al 98,08), compreso il capoluogo Empoli (93,99%).

Nella tabella ho messo a confronto Bagno a Ripoli con i comuni della cintura fiorentina e con i confinanti:

Comune Percentuale differenziata 2014
Bagno a Ripoli 58,35
Calenzano 65,24
Campi Bisenzio 50,26
Fiesole 65,17
Firenze 51,78
Impruneta 71,72
Greve in Chianti 62,16
Lastra a Signa 37,64
Pontassieve 67,07
Rignano 60,14
San Casciano 76,82
Scandicci 56,04
Sesto Fiorentino 63,58
Signa 54,33
Vaglia 38,39
Provincia Firenze 57,21
Toscana 44,50

 

1 Commento

  1. Scusate l’ignoranza ma questi numeri non li comprendo.
    Il 58,35 sarebbe la percentuale su 14.158 tonnellate ?
    e chi stabilisce che il rimanente 41,65 % non fosse proprio nettezza indifferenziabile?
    in teoria una tonnellata di rifiuti potrebbe essere una tonnellata di carta, di ferro, di plastica oppure indifferenziabile, ed a seconda della sua destinazione fa cambiare la percentuale.
    questa statistica mi sembra simile alla famosa statistica del pollo per 2.
    questa critica naturalmente non vuol dire che non dobbiamo provare a fare meglio.
    ed anche se non riguarda l’articolo…..Forza Viola

Rispondi