Bagno a Ripoli come Hollywood (sogno di un pomeriggio di fine anno)

hollywoodSogno di un pomeriggio di fine anno lasciando briglie sciolte alle fantasie più sfrenate. Ho iniziato così l’ultimo post dell’anno scorso ipotizzando una fantasioso parallelo tra Bagno a Ripoli e Paperopoli (leggi qui l’articolo). Ripropongo la formula cambiano senario: Bagno a Ripoli come Hollywood.

Partiamo dalla giunta comunale. La vicesindaca Ilaria Belli non può che essere Sharon Stone: decisa, aggressiva quanto basta, una donna che non deve chiedere. L’assessore Enrico Minelli un perfetto Paolo Villaggio nell’interpretazione dello straordinario ragionier Fantozzi al quale si incrociavano le dita (ricordate?), mentre al nostro talvolta si incrociano le parole. Per l’assessore Paolo Frezzi, impegnato sempre nelle missioni più ardue, scelgo Sean Connery-007: “Mi chiamo Frezzi, Paolo Frezzi”. Infine le due assessore: Annalisa Massari e Francesca Cellini. Così diverse, come carattere, così ugualmente appassionate del loro compito: Thelma e Louise, ovvero Susan Sarandon e Geena Davis.

Passiamo al Consiglio comunale. Estroversa ed esplosiva Sandra BaragliSofia Loren. Tosto a dovere Claudio FalorniBruce Willis. Ammaliante e battagliera Viola VillaAngelina Jolie. Sempre pronto a tutte (le riunioni) il top gun piddino Edoardo CipriantettiTom Cruise. Sui banchi del Consiglio ancora in fase di studio Leonardo BongiNicolas Vaporidis. Come un’Alice nel paese delle meraviglie Elisa Lo IaconoAnne Hathaway. Rassicurante per età ed esperienza Piero GastaldoLino Banfi. Occhio a Giulia UliviJulia Roberts: quando sorride sta per mordere. Introverso mai sopra le righe Mirko BriziarellliSergio Castellitto. Solare e spontanea Laura FranchiniMichelle Hunziker. Pacioso ed autorevole Andrea BenciniKevin Kostner (più nella versione assaggia tonno che in quella Balla coi lupi). Chiude il gruppo piddino il presidente del Consiglio comunale Francesco ContiBrad Pitt (un bello ci vuole sempre). Una carica di ritmo, vitalità e anticonformismo? Pier Luigi ZanellaJohn Travolta. Doti di comicità naturale? Massimo MariCarlo Verdone. Pugno di ferro in guanto di velluto per la grintosa Beatrice BensiMilla Jovovic. Mentre Paolo SartoniHarrison Ford guida il suo Millennium Falco grillino contro i mali dell’universo.

E il sindaco Francesco Casini? Non l’ho dimenticato. Certamente lui sogna un accostamento con De Niro o Dustin Hoffman, mi sembra più adatto Jim Carrey: chissà cosa non darebbe per avere “Una settimana da Dio”.

 Auguri a tutti di un radioso 2016.

 

2 commenti

  1. Come al solito ci fai chiudere l’anno ridendo! Permettimi una menzione d’onore per te, sempre (o quasi) presente alle sedute consiliari ed attento commentatore delle vicende ripolesi. Jack Nicholson di Professione: reporter.
    Auguri di buon anno!

  2. Gian Domenico Volpi

    Complimenti per il sogno

Rispondi