Ecco i 4 concerti autunnali degli Amici di Vicchio di Rimaggio: si parte con Schubert

vicchioL’Associazione Amici di Vicchio di Rimaggio presenta la stagione cameristica d’Autunno. Nella splendida cornice della chiesetta duecentesca di San Lorenzo, sulla collina di Bagno a Ripoli, la stagione d’autunno (XV edizione), con i tradizionali 4 appuntamenti, si svolge dal 30 settembre al 18 novembre.

Inaugura il cartellone autunnale, venerdì 30 settembre, la serata intitolata “Fortissimo nel mio cuore! Schubert, l’ultimo anno”, con la voce narrante di Sandro Cappelletto e la sensibile maestria del pianista Marco Scolastra, che propone l’ascolto di alcune gemme tratte dalle opere pianistiche dell’autore viennese, come Valses nobles D 969 (n. 1-6), Klavierstücke D 946 n. 1, n. 2, Andantino dalla Sonata in la maggiore D 959, Andante sostenuto dalla Sonata in si bemolle maggiore D 960, Impromptu in mi bemolle maggiore op. 90 n. 2. Gli ultimi mesi della vita di Franz Schubert: l’inconfondibile ansia creativa, la malattia, la cerchia degli amici, l’incomprensione della società musicale del tempo, l’affermazione perentoria della propria personalità. Li racconta Sandro Cappelletto (che ha curato testo e drammaturgia della serata), gettando lo sguardo su alcuni dei capolavori nati in quel periodo.

Venerdì 7 ottobre, è la volta del duo pianistico a 4 mani formato dalla milanese Federica Bortoluzzi e dal toscano Giovanni Nesi. Entrambi allievi di Maria Tipo e Andrea Lucchesini, Bortoluzzi e Nesi, non ancora trentenni, hanno già al loro attivo importanti affermazioni in vari concorsi e presenze in prestigiose sedi musicali italiane e straniere. La loro locandina oltre a presentare alcuni hits del repertorio pianistico a 4 mani, fra cui Ma Mère l’Oye di Ravel e Brahms (16 Valzer op. 39 e Danze Ungheresi n. 11, 9, 5, 4, 2) si completa con i meno gettonati, eppure interessanti e godibili Cinque Pezzi per pianoforte a quattro mani di György Ligeti.

Il terzo appuntamento, venerdì 11 novembre, presenta il recital solistico di Vincenzo Saldarelli, chitarrista fra i più accreditati del panorama concertistico nazionale, sia per la vasta attività concertistica (solistica e come membro del Trio Chitarristico Italiano) in tutto il mondo, sia per le significative esperienze e gli assidui contatti con i compositori e la musica del nostro tempo. Il programma vario e articolato, prevede Manuel Ponce (Cancion, Due Preludi), Miguel Llobet (da Diez Canciones Populares Catalanas: La filla del marxant, El testament d’Amelia, Canço del lladre), Augustin Barrios Mangoré (Vals op. 8 n. 3, 4), Heitor Villa Lobos (Prélude n. 5, Mazurka-Chõro, Schottish-Chõro da Suite populaire brésilienne), Federico Moreno Torroba (Sonatina); inoltre due composizioni dedicate allo stesso Saldarelli da due autori fiorentini, Habanera d’autunno scritta da Alfonso Borghese nel 2014 e un lavoro del caposcuola Alvaro Company del 1999: Corni da caccia (Pensando a L.v. Beethoven).

Per la chiusura del ciclo concertistico d’autunno, venerdì 18 novembre, è in calendario un interessante ed inusuale duo: quello di violoncello e contrabbasso. A condurci in questa questa avventura, dal titolo Tra Alti e Bassi, sono due arcinoti musicisti toscani, il violoncellista Luca Provenzani e il contrabbassista Amerigo Bernardi. In scaletta oltre al Settecento di G.B. Sammartini, J.S. Bach e W.A. Mozart, un’incursione ironica nell’Ottocento di G. Rossini e nella contemporaneità di Y. Levitin.

L’inizio dei concerti è alle ore 21 – Ingresso libero e responsabile.
Chiesa di San Lorenzo a Vicchio di Rimaggio, Via Vicchio e Paterno – Bagno a Ripoli. Informazioni: Ufficio cultura 055 643358.

Rispondi