Ecco quanto è costato al Comune organizzare la Fiera dell’Antella (tutte le spese in dettaglio)

dsc_0091_4357

L’esborso più oneroso è stato sostenuto per il servizio dell’Associazione allevatori

Poco più di 11mila euro: questo il costo complessivo sostenuto dal Comune di Bagno a Ripoli per organizzare la Fiera dell’Antella nel giorni di sabato 1, domenica 2 e lunedì 3 ottobre scorsi. Un esborso che dovrebbe essere stato ampiamente ripagato dal successo che la manifestazione ha riscosso nel pubblico che ha affollato tutte le iniziative.

Questo il dettaglio delle spese (le somme sono comprensive di Iva):

Euro 256,20 Coopservice S. Coop p.a. di Reggio Emilia per il servizio di guardiania notturna

Euro 854 Ditta Eredi Sabini di Rignano per montaggio poste (i capannoni per gli animali) in tubi innocenti

Euro 134,20 Ditta Gbaudio di Bianchi e Giannelli di Antella per impianto audio

Euro 650,26 Speed di Bologna per inserzione pubblicitaria su La Nazione

Euro 73,20 Publiacqua per attacco temporaneo abbeveraggio animali

Euro 150 Comune Rignano sull’Arno per fornitura struttura mobile

Euro 600 Fabio Chiari per organizzazione spettacolo giocoleria col fuoco “La manada del fuego”

Euro 600 Gabriele Cozzani per organizzazione spettacolo giocoleria col fuoco “La manada del fuego”

Euro 6.838,52 + 568,29 (le somme fanno riferimento a due diversi capitoli di spesa)  Associazione regionale allevatori toscani per il servizio svolto

Euro 300 Associazione Giostra della stella – Palio delle contrade

Totale: euro 11.024,67

1 Commento

  1. Lombardo Lombardi

    Secondo me diffondere dettagliatamente i costi pubblici è la vera trasparenza, è giustissimo, quanto lo sarebbe ancor più se foste in grado di farci capire meglio quanto “è stato ampliamente ripagato” come adesso sarà il Primolio … tutte le attività culturali, ludiche e pure commerciali nonché tradizionali del nostro territorio promosse dal nostro Comune, molte volte non sono ben concipite dalla popolazione, mentre voi potreste fare qualcosa in proposito, o almeno un po’ di più, per farci meglio capire a cosa servono …

Rispondi