Consiglio comunale come la casa del “Grande fratello”: arriva lo streaming delle sedute

grande-fratello-logoLe sedute del Consiglio comunale di Bagno a Ripoli saranno presto visibili in streaming su pc, tablet e smartphone. Ieri sera (martedì 25 ottobre) è stata approvata all’unanimità (circostanza che si verifica di rado) la proposta della consigliera del gruppo Cittadinanza attiva Sonia Redini  “per ripresa audiovisiva e diffusione in diretta streaming delle sedute del Consiglio comunale sul sito web del Comune di Bagno a Ripoli”. L’installazione sarà effettuata nei prossimi mesi in occasione della riorganizzazione e ristrutturazione, decisa già da tempo, della sala consiliare.

La consigliera Sonia Redini

“Dobbiamo tendere una mano ai cittadini che vogliono partecipare – ha detto Redini – Il Consiglio comunale è il luogo pubblico per eccellenza dove si trattano argomenti che interessano la collettività. Lo streaming è un modo per avvicinare i cittadini”. Tutti a favore i gruppi consiliari: Andrea Bencini (Pd): “E’ un’iniziativa per favorire la partecipazione diretta”. Paolo Sartoni (M5S): “Approviamo tutto ciò che avvicina cittadini alla cosa pubblica”. Il sindaco Casini ha ipotizzato di poter usare lo streaming anche per convegni o occasioni particolari. A richiesta anche per i matrimoni che si svolgono in Comune: “Magari con la produzione di di un video da dare agli sposi, vedremo se come dono o a pagamento”.

I costi dell’operazione sono stati illustrati dalla vicesindaca Ilaria Belli: circa 5.000 euro per una telecamera brandeggiate, in grado di puntare automaticamente su chi sta parlando in quel momento, altri 1.700 euro per licenza e 800 euro di start up. Oltre alla ripresa delle sedute è prevista la registrazione e la catalogazione come materiale d’archivio a disposizione.

dsc_0590_2754

Il consigliere Massimo Mari

L’argomento ha avuto anche un siparietto da cabaret, protagonista il consigliere Mari (Forza Italia). All’affermazione del consigliere Pier Luigi Zanella (Si), “Ne avevamo discusso anche in passato e tutti erano favorevoli”, ha replicato: “Falso che tutti fossero favorevoli. L’ex sindaco Bartolini si portava in aula il tegamino e durante la seduta mangiava: figuriamoci se voleva essere ripreso dalle telecamere!”.

Considerazione personale: lo streaming è di grande utilità ma, occhio, la possibilità di entrare in video nelle case dei cittadini (elettori) potrebbe scatenare fra i consiglieri una fiera delle vanità con allungamento degli interventi nel tempo e nel numero. Non sarebbe la prima volta.

 

Rispondi