Il presidente della Repubblica fa cavaliere il carabiniere che salvò due bambini in un pozzo a Ponte a Ema

ccIl Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito motu proprio 40 onorificenze al Merito della Repubblica Italiana a donne e uomini che si sono distinti per atti di eroismo, per l’impegno nella solidarietà, nell’integrazione, nel soccorso, per l’attività in favore dell’inclusione sociale, nella promozione della cultura, della legalità e per il contrasto della violenza. Fra questi c’è Mario De Bellis (nella foto), carabiniere scelto, 35 anni (Firenze), nominato Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana con la seguente motivazione: “Per lo spirito di servizio e il coraggio con cui si è prodigato nel salvataggio di due bambini caduti in un pozzo a Bagno di Ripoli”. Carabiniere scelto, in forza al nucleo Radiomobile di Firenze, in qualità di addetto. Il 29 maggio 2015, a Bagno a Ripoli, l’equipaggio del Nucleo radiomobile di cui fa parte De Bellis, si prodiga in una operazione di soccorso per trarre in salvo due bambini caduti in un pozzo di 15 metri in una villa in via di Vacciano (Ponte a Ema). De Bellis, dopo essersi legato in vita un lungo tubo di gomma, aiutato da un collega, si è calato nel pozzo. Raggiunti i bambini, li ha tenuti in braccio fino all’arrivo dei Vigili del Fuoco.
Il 25 giugno 2015 il carabiniere De Bellis venne anche premiato dal sindaco Casini durante una cerimonia in Consiglio comunale.

Rispondi