In terapia intensiva all’ospedale dell’Annunziata un uomo colpito da tetano: non era vaccinato

Poteva morire per asfissia, arresto cardiaco o polmonite, l’uomo che è stato trasferito nella terapia intensiva dell’ospedale Santa Maria Annunziata di Ponte a Niccheri ed al quale gli internisti del reparto di medicina dell’ospedale Serristori, di Figline Valdarno, hanno diagnosticato il tetano.

Il paziente giunto al pronto soccorso del presidio ospedaliero di Figline, era stato sottoposto ad approfondite indagini diagnostiche con risultati tutti negativi. Ricoverato in medicina il suo quadro clinico andava progressivamente peggiorando, ed è solo grazie all’intuizione degli specialisti e a seguito di una ulteriore ed attenta anamnesi che è emerso che il paziente si era procurato circa 15 giorni prima una piccola ferita e che purtroppo non era vaccinato contro il tetano.

“L’insufficienza respiratoria e i sintomi tipici dell’infezione da tetano ci hanno allertato immediatamente e –racconta il direttore del reparto dottor Andrea Bribani – è stato fondamentale diagnosticare per tempo la malattia infettiva perché è di estrema importanza avviare subito il trattamento terapeutico specifico, al fine di evitare invalidità o ancor peggio il decesso”.

Rispondi