Quattro indagati per l’esplosione della villetta a Villamagna

Ci sono quattro indagati per l’esplosione della villetta a Villamagna, avvenuta il 17 novembre scorso, dove perse la vita Valentina Auciello e rimasero gravemente feriti il marito Roberto Mantione e le due figlie di 8 e 10 anni. Si tratta di Gianfranco Mela e Marta Mocali, rappresentanti della società proprietaria del complesso di cui faceva parte la villetta esplosa, Valerio Paci, titolare dell’azienda che ha realizzato l’impianto del gas che, e lo stesso Roberto Mantione: «E’ un atto dovuto – dice il suo legale, avvocato Francesco Maresca – per consentirgli di seguire gli accertamenti tecnici e di nominare dei consulenti. Non c’è nessun dubbio sulla correttezza del suo agire».

L’inchiesta per crollo colposo, omicidio colposo e lesioni colpose gravissime è condotta dal pm Paolo Barlucchi che ha nominato due consulenti tecnici: l’ingegner Mauro Marchini, ex comandante regionale dei vigili del fuoco, e il professor Maurizio De Lucia, della facoltà di ingegneria dell’Università di Firenze. I consulenti dovranno in particolare verificare se il gpl all’interno dell’impianto fosse sottoposto a una pressione eccessiva, il regolare funzionamento dei riduttori di pressione del gas, la tenuta del tubo flessibile di collegamento al piano cottura, se l’esplosione possa essere stata innescata dal frigorifero.

Rispondi