Galleria dell’Antella, vibrazioni, viadotto sull’Ema: ecco le prossime tappe dei lavori per la terza corsia

I lavori della terza corsia dell’A1 stanno per uscire dalla zona strettamente autostradale e coinvolgere sottopassi e cavalcavia sulla viabilità ordinaria. Insomma, questione di settimane e saranno inevitabili alcuni disagi per il traffico e per le abitazioni interessate. Ieri pomeriggio, mercoledì 18 gennaio, è stato fatto un primo punto in un incontro con i tecnici di Autostrade al quale hanno partecipato il sindaco Casini, l’assessore Frezzi e i componenti della Commissione speciale nominata dal Consiglio comunale. E’ stato anche concordato che la commissione si incontrerà mensilmente con i tecnici di Autostrade per fare un progressivo punto della situazione e conoscere il cronoprogramma successivo.

Ecco le informazioni emerse dall’incontro:

  • Galleria Antella – Autostrade sta studiando con Pavimental, l’impresa incaricata dei lavori, come accorciare i tempi di realizzazione della galleria artificiale di Antella. Il cantiere dovrebbe essere aperto ad aprile, con la costruzione delle prime palificazioni, e durare un paio di anni. Allo studio l’ipotesi di lavorare anche di notte.
  • Vibrazioni – A febbraio i tecnici incaricati (fra cui l’Università di Siena) presenterà ad Autostrade lo studio di impatto sulle abitazioni delle vibrazioni delle lavorazioni per la costruzione della galleria. A quel punto sarà più chiaro quali saranno i palazzi di Antella che probabilmente dovranno essere evacuati per un certo periodo di tempo. 
  • Campo base – Tra l’autostrada e via Peruzzi è in allestimento un campo base che al momento non dovrebbe essere utilizzato appieno (gli operai soggiorneranno in quello ancora in funzione alle Cascine del Riccio), ma, contrariamente agli annunci passati, potrebbe dover entrare in funzione a pieno regime successivamente. 
  • Viadotti – Tra marzo e aprile inizieranno i lavori per l’allargamento del viadotto che supera il torrente Ema e via di Campigliano. I tecnici di autostrade studieranno con la Polizia municipale di Bagno a Ripoli la soluzione più idonea per penalizzare il meno possibile il traffico che deve raggiungere le molte aziende della zona. Preventivamente verrà fatta un’opera di informazione nei confronti della cittadinanza. Nello stesso periodo saranno interessati dai lavori anche i due cavalcavia che superano via Chiantigiana e la variante (davanti al Burger King, per intendersi).
  • Sottopasso – Nella prima settimana di febbraio partiranno i lavori per l’allargamento del sottopasso di via di Vacciano. 

Rispondi