Esplosione di Villamagna: il sindaco consegna a Roberto Mantione un assegno di 16.830 euro: “Ringrazio la comunità di Bagno a Ripoli”

Roberto Mantione tra il sindaco Casini e la vicesindaca Ilaria Belli

16.830 euro: è questa la cifra che la comunità di Bagno a Ripoli ha raccolto per la famiglia Mantione, dopo la tragica esplosione della sua abitazione, avvenuta lo scorso 17 novembre a Villamagna.
La consegna è avvenuta oggi, 24 gennaio, nell’ufficio del sindaco Francesco Casini, il quale, alla presenza della vicesindaca Ilaria Belli, ha consegnato l’assegno al signor Roberto Mantione, il compagno di Valentina Auciello rimasta uccisa nell’esplosione.
La somma raccolta è il frutto della solidarietà e della generosità del territorio ripolese che si è attivato fin dal giorno dopo il terribile evento con diverse iniziative e che ha dato una grande risposta anche attraverso le donazioni di privati. In tutti questi mesi il sindaco Francesco Casini e l’amministrazione tutta hanno seguito quotidianamente e da vicino il progressivo ritorno alla normalità della famiglia Mantione.
Il conto corrente messo a disposizione gratuitamente dall’agenzia di Bagno a Ripoli della Banca di Credito Cooperativo di Pontassieve – Iban IT51 M087 3637 7200 0000 0402 084 – resta attivo per quanti vorranno ancora versare contributi e donazioni, con la causale “pro famiglia mantione villamagna”. 

“Un grazie sincero da parte mia – hadetto Roberto Mantione – a quanti ci hanno fatto sentire la loro vicinanza e apprezzare cosa significhi essere parte di questa comunità, che ci ha dato davvero la forza per ripartire con maggiore serenità”.
“Ringrazio la comunità di Bagno a Ripoli – ha dichiarato il sindaco Casini -, una comunità coesa e solidale che ci obbliga una volta di più a parlare di ‘cuore grande’. Ce l’ha dimostrato nei fatti, e ancora ce lo sta provando, con altre manifestazioni e iniziative di solidarietà e affetto verso questa famiglia che i nostri cittadini, le associazioni e le aziende, hanno realmente e spontaneamente adottato, rispondendo con prontezza all’appello dell’amministrazione comunale”.

Rispondi