Fiorentina: festa al Teatro dell’Antella con Sarti, Magnini, Carpanesi, Narciso Pargi. Orzan: “Qui la prima fettunta delle mia vita”. La Filarmonica Cherubini suona l’inno viola (video)

Emozioni viola ieri pomeriggio (domenica 5 marzo) al Teatro comunale di Antella. In “scena” Giuliano Sarti, Ardico Magnini, Alberto Orzan, Sergio Carpanesi, protagonisti del primo scudetto della Fiorentina nel campionato 1955/56. Con loro anche Narciso Parigi, interprete insuperabile dell’inno viola. I campionissimi sono stati intervistati dalla giornalista Tiziana Alma Scalisi. L’evento è stato realizzato in collaborazione con il Museo Fiorentina, rappresentato dal presidente Andrea Galluzzo. Nell’occasione è stato proiettato il video “Campioni per sempre” realizzato per La Nazione dal giornalista, e grande tifoso viola, Roberto Davide Papini. Prersenti in platea anche alcuni familiari dei campioni scomparsi.

Sarti, Magnini, Orzan, Carpanesi e Parigi hanno dato vita a simpatici siparietti raccontando aneddoti e episodi curiosi della loro esperienza con la maglia della Fiorentina e del rapporto con Firenze a cui, pur provenendo da luoghi diversi, sono rimasti visceralmente attaccati. Alberto Orzan ha rivelato anche un particolare che coinvolge proprio l’Antella: “Nel 1954, era novembre, fui invitato per una visita ai frantoi dell’Antella dopo la frangitura delle olive. Io venivo da Gorizia, usavamo l’olio di semi, l’olio d’oliva non sapevo neanche che esistesse. Vidi gli orci pieni di quel liquido verde e rimasi perplesso. Una signora mi dette una fetta di pane toscano e mi disse di strusciare sopra l’aglio e di tuffarla in quell’olio. Ero ospite, non potevo sottrarmi anche se quel liquido verde mi faceva un po’ senso. Tuffai la fetta e assaggiai la prima fettunta della mia vita. Da quel momento non l’ho più abbandonata”. All’evento, aperto dall’inno della Fiorentina suonato dalla Filarmonica Cherubini, sono intervenuti anche il sindaco di Bagno a Ripoli, Francesco Casini, e il presidente del Consiglio regionale. Eugenio Giani.

Rispondi