Le opposizioni danno la “pagella” alla giunta Casini – Sartoni (M5S): “Tanti annunci, pochi risultati”

Paolo Sartoni

Trascorsi mille giorni (abbondanti) dall’insediamento dell’attuale giunta comunale di Bagno a Ripoli guidata dal sindaco Casini, parola alle opposizioni per una “pagella” di metà mndato. Oggi tocca al consigliere del Movimento 5 Stelle Paolo Sartoni, seguirà l’opinione del consigliere di Forza Italia, Massimo Mari. Sonia Redini, consigliera di Cittadinanza attiva, ha garbatamente declinato l’invito.

Consigliere Sartoni, qual è la sua valutazione sintetica sul governo cittadino?
Mille giorni: tanti annunci, pochi risultati.

Quali sono le carenze? 
Le peggiori carenze le riscontro sui temi principali che stanno più a cuore ai cittadini e su cui il sindaco Casini doveva fare di più: ambiente, salute e sicurezza. Riguardo il primo aspetto basta pensare alla gestione dei lavori della terza corsia; il deposito delle terre di scavo nella valle dell’Isone rappresenta un ulteriore ferita nel territorio e la tanto declamata galleria artificiale di Antella ho paura non servirà a minimizzare l’impatto negativo dell’opera. Non parliamo poi del via libera dato dal Comune al progetto del doppio ponte di Vallina su cui anche la Sovrintendenza ha espresso un parere estremamente negativo per l’impatto che avrà sul territorio. Riguardo la salute dobbiamo riscontrare un peggioramento della qualità dell’aria dovuto al maggiore inquinamento dal traffico di auto e non riscontriamo al momento soluzioni né dal punto di vista della mobilità alternativa, né dal punto di vista del potenziamento dei mezzi pubblici. Sulla sicurezza nessun provvedimento degno di nota ed il nostro territorio è di fatto tartassato da furti in appartamento sempre più numerosi.
Dia un giudizio sui singoli assessori. Partiamo dalla vicesindaca Ilaria Belli.
Sulle politiche sociali ho constatato un aumento considerevole della spesa del Comune; come presidente della terza commissione ho convocato sull’argomento una commissione a fine luglio e vedremo di fare chiarezza sull’argomento.
Assessore ai lavori pubblici e ambiente Enrico Minelli.
Obbligato dalla necessità di aumentare la percentuale di raccolta differenziata, finalmente il Comune è partito con il servizio di raccolta porta a porta. C’è ancora tanto da lavorare perchè il servizio possa essere considerato soddisfacente.
Assessore all’urbanistica Paolo Frezzi.
Concluso l’iter per la riorganizzazione delle strade vicinali, aspettiamo ancora l’istallazione dei cartelli che servono per chiarire le modalità di accesso nelle vicinali private.
Assessora allo sviluppo economico Francesca Cellini.
Assessorato importante quello dello sviluppo economico ma troppo poco attenzionato e con scarse risorse. Nel frattempo i negozi continuano a chiudere e le attività soffrono.
Assessora a scuola e cultura Annalisa Massari.
La scuola rappresenta il futuro di tutti. Gli investimenti ci sono ma mi pare che manchi una visione chiara sulle priorità da affrontare. Degna di nota la mostra su Caterina d’Alessandria nella splendida location dell’oratorio.
Parliamo del vostro vuturo come forza politica. Tra due anni si vota per il sindaco. E’ chiaro che per competere dovrete avere un candidato che dovrà farsi conoscere in questo periodo. Ne state parlando? Avete qualche nome già in ballo? Ricorrerete ad una  consultazione online tra i simpatizzanti? 
E’ inevitabile pensare al futuro del gruppo ed alle amministrative, ma ancora abbiamo tempo per decidere. Il nome del candidato potrebbe essere scelto tra gli attuali attivisti ma, perché no, anche fra persone che ancora non si sono fatte avanti. La mia impressione è che anche nel comune di Bagno a Ripoli il consenso verso il M5S sia in crescita e credo che il  lavoro che abbiamo svolto sul territorio  abbia avuto un apprezzamento da parte della comunità. D’altra parte non è facile far capire ai cittadini che non basta il consenso ma ci vuole partecipazione e approfitto anzi di questo spazio per lanciare un appello a tutti coloro che possano essere disponibili a partecipare alle nostre attività a contattarci sia tramite il meetup che tramite mail all’indirizzo info@bagnoaripoli5stelle.it.
Il suo mandato andrà avanti fino a scadenza o ci sarà un nuovo avvicendamento? 
Non nascondo che fare il consigliere comunale e cercare di farlo bene è un impegno oneroso ma anche ricco di soddisfazioni. Farsi carico delle problematiche dei cittadini portando le loro istanze all’interno dell’amministrazione e provare a migliorare la qualità del territorio che consegneremo alle prossime generazioni è un grande stimolo. Quindi disponibile a concludere la legislatura ma pronto a farmi da parte, visto che nello spirito del nostro movimento un valore fondamentale è quello di non attaccarsi alle poltrone. Luca Battaglini ad esempio è una persona che potrebbe svolgere egregiamente questo compito e porterebbe sicuramente un contributo importante all’interno del Consiglio comunale. A settembre decideremo cosa fare.
Pensa di poter avere delle convergenze con i neofuoriusciti dal Pd? 
Da parte mia non c’è nessuna preclusione e considero il gesto dei consiglieri Franchini e Briziarelli e degli altri  che hanno deciso di uscire dal Pd un segno di maturità e di onestà intellettuale che gli fa onore. Peraltro ho avuto già modo di collaborare in modo proficuo con Brizziarelli in due diverse commissioni .
Se lei diventasse sindaco, qual è il primo provvedimento che prenderebbei? 
Sono molte le problematiche sulle quali vorrei intervenire, ma in questo momento probabilmente la prima azione sarebbe quella di oppormi al progetto attuale del doppio ponte di Vallina. Credo che trovare una soluzione alternativa meno impattante e meno costosa sia possibile e doveroso.

1 Commento

Rispondi