Mdp nasce anche a Bagno a Ripoli: “Un riferimento per chi non vuole seguire Renzi”

Rosauro Solazzi

Anche a Bagno a Ripoli nasce Mdp, il movimento creato dagli scissionisti del Pd. I fuoriusciti ripolesi (clicca qui per leggere l’articolo) non hanno impiegato molto tempo a decidere dove impegnare nuovamente la loro passione politica. Ieri sera, giovedì 13 luglio, alla Casa del popolo di Grassina, si sono ritrovato in una ventina per un primo punto della situazione. A coordinare il dibattito Rosauro Solazzi, ex prersidente dell’assemblea comunale del Pd, e i consiglieri comunali Laura Francini e Mirko Briziarelli.

Solazzi ha evidenziato come la adesione a Mdp sia il primo passo verso l’unità della sinistra: “Sollecitati da amici e compagni e dai cittadini, vogliamo dare un riferimento a tutti coloro che per cultura politico-sociale, si sono sempre collocati a sinistra e non possono seguire Renzi e il suo Pd, che ormai non ha più la componente che dieci anni fa ha fatto confluire i Ds e non solo, nel partito ridotto oggi a un mero comitato elettorale”.

I consiglieri comunali hanno riconfermato la necessità di un lavoro comune per affrontare i problemi attuali, a livello nazionale come il lavoro, la sanità, il territorio, gli stessi che saranno ripresi a Bagno a Ripoli. Presente alla riunione l’ex sindaco di Bagno a Ripoli Mauro Zampoli. “L’esperienza non è un un valore da rottamare ma una ricchezza da coltivare – ha commentato Solazzi – Gli interventi di Patrizio Mecacci, ex segretario provinciale Pd, e di Serena Spinelli, consigliere regionale di Mdp, sono uno stimolo per tutti noi nella convinzione dell’impegno che ci aspetta”.

Nel corso del dibattito è emersa anche qualche critica al governo locale e alla gestione del Pd comunale. Entro la fine di luglio il prossimo appuntamento.

Rispondi