Terza corsia: a Ponte a Niccheri aperto un nuovo cantiere, l'”operazione sottopassi” procede. Qualcuno non ha detto tutta la verità

A Ponte a Niccheri si lavora di buona lena nell’ambito dell’intervento per la terza corsia autostradale. Nei giorni scorsi era scoppiata una polemica tra Autostrade e Comune, con rimpallo di accuse, sul ritardo con cui sarebbero iniziati i lavori per l’allargamento dei due sottopassi autostradali (clicca qui per leggere l’articolo). Slittamento da luglio a settembre aveva detto Autostrade per due motivi: il ritardo con cui il Comune di Bagno a Ripoli aveva dato le autorizzazioni (tesi contestata dal sindaco Casini) e l’indisponibilità della società Interroute a lavorare d’agosto per lo spostamento dei propri cavi in fibra ottica.

Ma proprio qualche giorno fa Interoute ha chiesto al Comune le autorizzazioni ad effettuare lavori sulla sede stradale per lo spostamento della rete di fibra ottica per interferenza con i lavori di ampliamento dell’autostrada. Lavori che sono eseguiti dall’impresa Sime Telecomunicazioni di Lastra a Signa. Sulla base di questa richiesta il Comune ha disposto alcuni provvedimenti di viabilità in corso da stamani, sabato 29 luglio, fino all’11 agosto. In dettaglio: in via Chiantigiana ingresso Ponte a Ema, in corrispondenza del sottopasso autostradale, per la realizzazione di area cantiere, istituzione nella corsia direzione Firenze di un restringimento di carreggiata verso destra; restringimento di carreggiata verso sinistra per i veicoli che si immettono sulla Sr222 provenendo da Ponte a Ema; soltanto per la giornata di oggi, divieto di circolazione nella corsia di svolta a destra in direzione di Firenze e obbligo di proseguire diritto verso la rotatoria di Ponte a Niccheri; in questi tratti di strada, per un ulteriore tratto di 150 metri in avvicinamento all’area cantiere, limite di velocità di 30 Km/h.

Ed in effetti stamani operai erano all’opera sul posto con ruspe e camion. Inoltre Pavimental, l’impresa che per Autostrade sta costruendo la terza corsia, è già a buon punto nella realizzazione della “bretella” che unirà la variate Chiantigiana a via Aldo Moro, per baipassare il primo sottopasso che verrà chiuso (quello lato Burger King).

Interoute ci ha ripensato e ha deciso di far iniziare i lavori di spostamento della propria rete di fibra ottica già in agosto? O Autostrade aveva detto il falso sulla presunta indisponibilità di questa azienda? Fatto sta che adesso non c’è bisogno di attendere settembre, con l’intensificazione del traffico, per avviare l’intervento di chiusura del primo sottopasso. O c’è ancora qualche tassello mancante in questa vicenda di mezze verità e qualche bugia?

Rispondi