Il progetto “Sliding Theaters” vince il bando della Città Metropolitana per la concessione di contributi culturali

Quando l’unione (culturale) fa la forza. Questo potrebbe essere il motto per la nuova stagione di programmazione e progettazione “in rete” che il Comune di Bagno a Ripoli come capofila e le amministrazioni di Impruneta, Figline e Incisa Valdarno, Greve in Chianti, Reggello, Rignano sull’Arno, San Casciano Val di Pesa, Unione Comunale del Chianti Fiorentino, hanno adottato per partecipare a due distinti bandi per la concessione di contributi per iniziative culturali, promossi dalla Città Metropolitana di Firenze.

Un metodo di lavoro che ha mostrato subito ampie potenzialità: entrambi i progetti candidati, Echi di Contaminazioni e Sliding Theaters sono stati difatti ritenuti meritori di finanziamenti.

In modo particolare Sliding Theaters del teatro fuori dal teatro, con un contributo pari a circa 68.000 euro, è risultata la miglior proposta progettuale in tutta la Città Metropolitana.

Ma quali sono dunque gli elementi di forza di Sliding Theaters? Senz’altro una ricchissima programmazione culturale resa possibile dalla creatività dei tanti partner privati: Associazione culturale Archetipo, Associazione Culturale VieniTelaRacconto, Soc. Coop. Excelsior A.r.l., Associazione TarUmbra, Coop 21, Compagnia Xe, Giotto in Musica, associazione culturale Marcialla, Tealtro, The Tribe, Amici dell’OPC.

Una programmazione che partirà da fine estate e si protrarrà sino alla primavera 2018 che prevede:

  1. Off – performance e pieces teatrali organizzate presso edifici e luoghi di grande interesse storico, artistico e paesaggistico con l’intento di farne riscoprire bellezza, valore e significato alle comunità residenti, visitatori;
  2. un cartellone intercomunale di spettacoli ospitati presso i teatri stabili locali;
  3. W(illiam).S(hakespeare) Je Suis – laboratori e animazioni teatrali, rivolti a giovani dai 16 ai 30 anni, finalizzati all’acquisizione di competenze e abilità da parte dei giovani che potranno sperimentarsi nella realizzazione di una produzione teatrale finale;
  4. Invasioni Teatrali – flash mob e brevi interventi teatrali “promozionali” a sorpresa nei luoghi di maggior afflusso quotidiano di persone (centri commerciali, mercati ecc.)

“Questo risultato – commentano il sindaco Francesco Casini e l’assessora alla Cultura Annalisa Massari –  è il frutto di due importanti segni di cambiamento: la notevole lungimiranza dimostrata dalla Città Metropolitana nel destinare oltre 3 milioni di euro di avanzo di amministrazione alle iniziative culturali del territorio, secondo criteri di innovazione, qualità, coesione ed inclusione, legame con il territorio. E, cosa forse ancora più importante, la capacità delle nostre Amministrazioni di coprogettare assieme – in una logica di rete che coinvolga le più vivaci realtà culturali dei nostri territori – interventi e programmi innovativi, di qualità, pur in tempi assai ristretti. Un approccio vincente, appunto, per il quale ci sentiamo di ringraziare i Sindaci, gli Assessore e gli uffici dei vari comuni, in modo particolare il nostro Ufficio Innovazione che ha coordinato tutte le fasi della progettazione”.

Rispondi