Ecco il furgoncino “ToBio” che vende gnocchi, sugo finto e il polpettone della Siaf davanti alle scuole

Da sinistra: Maria Letizia Melandri, responsabile qualità Siaf; Amalia Bergamasco, dirigente scolastico Istituto comprensivo Teresa Mattei; il sindaco Francesco Casini; l’assessora Annalisa Massari; Manuela Guglielmi di Toscana Biologica

Frutta e verdura di stagione, pane e schiacciata, cereali, formaggi, pasta e biscotti. E poi, ancora, gnocchi al pomodoro (4 euro a porzione) e sugo “finto” alla maniera toscana (3 euro). Con il bancone rifornito di tante specialità biologiche, riparte in quarta “Più vicino è più buono: ora vendiamo a Km0”, il furgone itinerante che farà tappa davanti alle scuole del territorio ripolese per consegnare alle famiglie degli studenti, e più in generale a tutti i cittadini che vorranno, prodotti toscani e alcune preparazioni di Siaf, la società di refezione del Comune di Bagno a Ripoli, che ogni giorno mette a tavola 1.800 scolari.

Il furgone riaccende i motori con quella che è la seconda edizione del progetto grazie alla nuova collaborazione con Toscana Biologica, consorzio che riunisce aziende specializzate in produzioni biologiche e biodinamiche da filiera corta che metteranno a disposizione i loro prodotti. Dal 17 aprile, ogni martedì dalle 8 alle 10, sarà possibile trovarlo davanti alla scuola dell’infanzia e primaria “E.Agnoletti” al Pdule. Mentre dal 26 aprile, ogni giovedì dalle ore 16 alle ore 17, il furgoncino farà un “pit-stop” nel piazzale della scuola Marconi, in via di Lilliano e Meoli, a Grassina. Genitori degli alunni e cittadini potranno ritirare i prodotti precedentemente prenotati online sulla piattaforma di Toscana Biologica (www.toscanabiologica.it).

Il furgone, acquistato dal Comune con un finanziamento regionale di 50mila euro che dette via al progetto consegnerà ortaggi e frutta a Km zero di Toscana Biologica e alcune specialità “made in Siaf”, le stesse portate in tavola nelle mense scolastiche e preparate con ingredienti rigorosamente di stagione e prodotti del territorio come gli gnocchi di patate biologiche al pomodoro e al sugo finto. Fra le leccornie in vendita, assicura Maria Letizia Melandri, responsabile qualità di Siaf, vi sarà anche il “famoso” polpettone che incontra i favori dei bambini. La ricettà? Nessun segreto stile Coca Cola: “Ingredienti di qualità da filiera corta – spiega Maria Letizia Melandri – tutto impastato a mano e cotto in forno”.

Ad inaugurare il nuovo ciclo del progetto oggi pomeriggio sono stati il sindaco Francesco Casini con una iniziativa pubblica nel piazzale della chiesa della Pentecoste e assaggi in anteprima delle specialità preparate da Siaf. Presenti anche i referenti della società di refezione e i gestori del furgone, Manuela e Adrian, che hanno illustrato le modalità organizzative dell’attività e quelle di acquisto dei prodotti in vendita.

“Finalmente il furgoncino a Km zero – dice il sindaco – riaccende i motori e torna a promuovere i prodotti a Km zero toscani e il valore di un’alimentazione sana. Un piccolo ‘ambasciatore’ a quattro ruote di una dieta corretta e salutare, che va insegnata ai bambini fin da piccoli. E un modo per sostenere e incentivare gli agricoltori, i coltivatori diretti e le aziende locali che ci mettono il frutto del loro lavoro. Il furgoncino dà inoltre la possibilità alle famiglie di portare in tavola i pasti preparati da Siaf che i loro bambini mangiano a scuola, con un’iniziativa quindi di massima trasparenza”.

Sabato 21 aprile dalle 9 alle 12, “Più vicino è più buono” sarà presentato ufficialmente alla scuola media “F. Redi”, agli studenti dell’Istituto Caponnetto e alle loro famiglie. Anche in questo caso saranno presenti gli operatori di Siaf e Toscana Biologica che offriranno piccoli assaggi. Per l’occasione, si svolgerà anche il consueto mercatino di raccolta fondi organizzato dagli studenti che prevede, oltre alla possibilità di acquistare manufatti realizzati dagli alunni, le piantine dell’orto scolastico e molto altro, l’esibizione del Coro della scuola, una lotteria e l’apertura del Redi Park con giochi per bambini a cura dei ragazzi delle terze. L’intero ricavato del mercatino sarà impiegato per acquistare le magliette Redi da regalare ai futuri iscritti delle classi prime, tende parasole per le aule e per migliorare il Club degli Studenti.

Rispondi