Antella e Greve esportano il progetto Karaterzetà in tutta Italia

Lo staff di Karaterzetà nella sede della Misericordia di Antella. Da sinistra: il dottor Nannetti, l’istruttore Diani, il maestro Romano, la dottoressa Serni e il maestro Tomei

Nei giorni scorsi alla Misericordia di Antella si è riunito lo staff di Karaterzetà al gran completo. Oltre al maestro Michele Romano e all’istruttore Marco Diani della Asd Tzubame Dojo di Greve in Chianti, ideatori del progetto di Karate adattato per ultra sessantenni, si sono seduti al tavolo la dottoressa  Giuditta Serni, specialista in agopuntura, il dottor Luca Nannetti, geriatra di riferimento della Misericordia di Antella, e il maestro Fabio Tomei.

La dottoressa Serni ha seguito un percorso parallelo ma completamente integrato per valutare i benefici della Mtc (Medicina tradizionale cinese) negli allievi di Karaterzetà trovando risposte estremamente positive. Il maestro Tomei, direttore del Centro nazionale di formazione e ricerca della Federazione italiana Karate (Fik), è arrivato da Roma proprio per mettere a punto gli ultimi dettagli del progetto.

La grande soddisfazione di tutto il gruppo, che ormai da oltre tre anni lavora al progetto con già due corsi attivi, uno ad Antella e l’altro a Greve in Chianti, è stato il riconoscimento di Karaterzetà a livello nazionale. Proprio in questi giorni iniziano a Istrana (Treviso) i primi corsi di formazione tenuti dal maestro Tomei e dall’istruttore Diani, con il contributo del dottor Nannetti, rivolti a tutti gli istruttori di karate che promuoveranno il progetto nelle proprie palestre del nord Italia.

Ora i corsi a Antella e Greve sono sospesi per il periodo estivo, ma da settembre ripartiranno con gli allievi veterani e con tutti coloro che vorranno intraprendere questo percorso di salute e non solo. Karaterzetà è un progetto socio-medico-sportivo patrocinato dai Comuni di Bagno a Ripoli e  Greve in Chianti.

Rispondi