La gestione del parcheggio dell’ospedale di proroga in proroga: non bastano tre mesi per i controlli sul vincitore dell’appalto

La gestione del parcheggio davanti all’ospedale dell’Annunziata passa da una proroga all’altra. Nella primavera scorsa la gara d’appalto per l’assegnazione del servizio, che comprende anche il parcometro in piazza Umberto I a Grassina, i fontanelli di acqua ad alta qualità e la rimozione dei veicoli in sosta vietata, era stata vinta dalla società Scaf. Un controllo delle procedure seguite dagli uffici del Comune di Bagno a Ripoli per l’assegnazione del punteggio fece emergere un errore di interpretazione. Il successivo ricalcolo del punteggio dette come vincitore la società Rti Siak Superlucida a cui spetta quindi la gestione del parcheggio (con annessi e connessi).

In attesa che la Rti Siak Superlucida presentasse la documentazione necessaria per rendere effettiva l’aggiudicazione, il servizio fu affidato in via provvisoria alla Scaf che già da anni gestisce il parcheggio dell’ospedale. E qui inizia il valzer delle proroghe: una prima dal 5 maggio al 3 giugno; una seconda dal 4 al 30 giugno; una terza dal 1° al 31 luglio. Siccome ad oggi non si sono ancora conclusi i controlli relativi alla Rti Siak Superlucida, la giunta, nella seduta del 12 luglio scorso, ha deciso per un’ennesima proroga della gestione alla Scaf per tutto il mese di agosto (però dal 6 al 26 l’accesso al parcheggio sarà gratuito e nei restanti giorni coperto da cassa automatica con orario 7.30-21).

Resta il mistero sugli oltre tre mesi trascorsi senza che siano stati portati a termine i controlli previsti dalle norme sugli appalti nei confronti della società vincitrice del bando di gara.

Rispondi