Biennale pittura e scultura a Bagno a Ripoli, ecco i nomi dei vincitori

I premiati: da sinistra Antonio Matteini Diana Polo, Paolo Catelani, assessora Annalisa Massari e Piero Bulli

Biennale di pittura e scultura: ieri sera, lunedì 10 settembre, premiati i vincitori dell’XI edizione della rassegna d’arte riservata ai cittadini di Bagno a Ripoli, organizzata in occasione del Palio delle Contrade – Giostra della Stella dal Comitato del Palio, dalla presidenza del Circolo Sms di Bagno a Ripoli, dalla presidenza dell’associazione culturale ‘Giuseppe Mazzon’, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale.

Per la categoria pittura si sono imposti:

• 1° classificato: Rossella Bettucci, “Pescaia del ‘Bianchi”. Secondo la commissione giudicatrice l’artista, “con buona padronanza della tecnica, riesce a rendere un’immagine fresca e convincente dell’ambiente”.

• 2° classificato: Piero Bulli, “Sole in pineta”. “L’immagine riesce a suscitare nell’osservatore una buona resa delle caratteristiche del paesaggio”, osserva la giuria.

• 3° classificato: Paolo Catelani, “Strada bianca”: L’artista, secondo i giurati, “riesce a trasmettere un’atmosfera di serenità, rafforzata simbolicamente dalla presenza del personaggio”.

Per la categoria scultura:

• 1° classificato: Diana Polo, “Libera”. Secondo la giuria “il concetto di libertà è rappresentato in maniera enigmatica e l’artista dimostra padronanza della tecnica”.

Per la categoria under 25:

• 1° classificato: Antonio Matteini, “Pescatori nell’Ema”: “La sottolineatura dell’andamento diagonale nella suddivisione degli spazi evidenzia la dinamicità della scena”, evidenzia la giuria.

La commissione giudicatrice era composta da Alberto Grazzini, Giancarlo Bernini e Luciano Borin.

Alla rassegna si erano candidati quindici artisti per un totale di una trentina di opere presentate.

“Complimenti vivissimi ai vincitori e a tutti i partecipanti – dice l’assessora alla cultura Annalisa Massari -, le loro opere rappresentano la linfa artistica del nostro territorio, che vogliamo sostenere e promuovere rendendo questa rassegna ancora più ampia e coinvolgente”.

Rispondi