I ladri sfondano la porta di casa di una chef antellese e fanno razzia: colpo di pomeriggio, nel centro del paese

La serratura divelta dal muro con il piede di porco

Sfrontati, senza timori, certamente non degli improvvisati. L’audace colpo dei soliti ignoti stavolta ha preso di mira l’abitazione della chef Mirella Calvelli e del suo compagno Stefano Martinelli, in via Parri, nel pieno centro dell’Antella, a metà pomeriggio di ieri, sabato 17 novembre. Per entrare nell’appartamento i ladri hanno letteralmente sfondato la porta con un piede di porco.

“Alle tre del pomeriggio siamo usciti di casa, io e il mio compagno, per andare al lavoro; alle 16.30 è uscito di casa mio figlio, quindi la casa è rimasta vuota – racconta con amarezza Mirella – Nell’appartamento a fianco vive una signora da sola che non esce quasi mai di casa ma ieri alle 16.30 è andata a fare la spesa con la figlia. Sicuramente i ladri sorvegliavano la strada, che è molto trafficata dal lunedì al venerdì perché c’è un’autofficina, ma il sabato e la domenica è, ahimè, fortunatamente molto più tranquilla. I malviventi sono entrati dalla scala aperta che dà sulla strada, hanno sfondato la porta con un piede di porco appoggiandosi alla porta dell’appartamento di fronte, danneggiando pure quella. La forza è stata tale che hanno scardinato la serratura e un pezzo di muro”.

Una volta nell’appartamento i ladri hanno rovistato solo nelle due camere, alla ricerca di denaro e oggetti di valore. “Hanno buttato tutta la roba fuori dagli armadi e cercato i valori – racconta ancora Mirella – Alle 18 tornata a casa la signora che abita di fianco a noi. E’ lei che si è accorta delle porte manomesse e ci ha subito avvertiti. Abbiamo chiamato i carabinieri che sono arrivati tempestivamente ma hanno solo potuto constatare lo sfascio e registrare quello che era stato portato via. Non sono state rilevate impronte perché, probabilmente, i ladri avevano i guanti. Purtroppo nella nostra zona non ci sono telecamere”. “Ci sentiamo violentati, indifesi, vilipesi, offesi e prigionieri in casa nostra – si sfoga Mirella – E’ incredibile che una cosa del genere avvenga di pomeriggio, quando ancora è giorno. E’ ovvio che i ladri hanno anche qualcuno che fa il palo e li può avvertire in caso di problemi”.

Rispondi