Il Gobetti-Volta cresce: dieci nuove aule. Il sindaco Nardella agli studenti: “Fatevi sentire”

Da sinistra: il sindaco di Bagno a Ripoli, Francesco Casini, il dirigente scolastico del Gobetti-Volta, Simone Cavari, e il sindaco metropolitano Nario Nardella

Il sindaco della Città Metropolitana di Firenze, Dario Nardella, ha incontrato stamani gli studenti dell’Istituto Gobetti-Volta e compiuto un sopralluogo, con il dirigente scolastico Simone Cavari e il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini, nei nuovi locali realizzati grazie a un intervento di ampliamento per circa 1 milione di euro condotto dalla Città Metropolitana di Firenze: 10 nuove aule (due specifiche per studenti disabili), nuovo ingresso, nuovi locali portineria, nuovi gruppi di servizi igienici, ai quali in corso d’opera si è aggiunto un nuovo archivio. Ristrutturata e colorata di turchese la pista per la corsa. “Così dall’alto può sembrare che abbiamo la piscina”, ha commentato con una battuta il preside Cavari.
Considerando che l’edificio scolastico è inserito in un contesto sottoposto a vincolo paesaggistico, la scelta progettuale è stata indirizzata verso il completamento di volumi esistenti, in modo da lasciare inalterate le aree a verde circostanti.

Il sopralluogo nella nuova ala del Gobetti-Volta

“Quello di Bagno a Ripoli è uno dei poli scolastici più importanti del territorio, frequentato da studenti che vengono da tutta l’area della Città Metropolitana – ha commentato il sindaco Dario Nardella – Siamo contenti che il risultato degli investimenti fatti sia molto positivo. Siamo impegnati nel migliorare ulteriormente la struttura. Gli studenti hanno chiesto l’allestimento di un impianto fotovoltaico ed è una proposta che prendiamo in considerazione. Il Gobetti-Volta presenta un struttura adeguata e sostenibile, in grado di rispondere a un grande numero di studenti. Siamo impegnati, con il Comune di Bagno a Ripoli, nel miglioramento dei trasporti pubblici, grazie al progetto e ai lavori che faremo per la tramvia, in modo da collegare questa parte del territorio con il centro di Firenze e quindi a tutta la rete tramviaria”.

Il sindaco Nardella osserva la nuova pista color turchese

Il sindaco Francesco Casini ha sottolineato come l’ampliamento vada a vantaggio di tutta la comunità scolastica e l’istituto si ponga come un punto di riferimento, per la sua organizzazione e il suo alto livello di proposta e formazione; è un passo d’avvio che consentirà nuovi investimenti.

“Il Gobetti Volta ha circa 80 classi per 1.800 studenti – ha detto il presidente Cavari – Quest’ anno abbiamo avuto un aumento di iscritti e questo ampliamento ci serviva per riportare tutti i nostri alunni all’interno dell’istituto, avevamo tre classi fuori sede”.

Per i nuovi locali dell’istituto, sono stati utilizzati materiali ad elevate caratteristiche tecniche, tali da ottenere, nel rispetto delle normative vigenti, il miglior comfort possibile, mediante isolamenti termici a cappotto, infissi a taglio termico e acustico ed illuminazioni a led. Con i lavori realizzati la superficie scolastica è aumentata di 480 mq.
Il cantiere è stato chiuso nei tempi contrattuali previsti (da febbraio a settembre), consentendo il regolare inizio dell’anno scolastico così come da accordi con la scuola stessa.
La realizzazione dei lavori è stata resa possibile grazie alla collaborazione di tutti i soggetti coinvolti, Città Metropolitana di Firenze, Comune di Bagno a Ripoli, Soprintendenza per i Beni Ambientali ed Architettonici per le provincie di Firenze e Pistoia, tutta la popolazione scolastica coinvolta e l’impresa esecutrice.

L’incontro del sindaco Nardella con gli studenti del Gobetti-Volta

Prima dell’inaugurazione il sindaco metropolitano Nardella ha incontrato gli studenti delle classi quinte in un simpatico botta e risposta alimentato dal giornalista Giacomo Guerrini e dal blogger Sebastian Gazzarrini (ex alunno del Gobetti Volta) ora nello staff de “Le Iene”. “Ricevo ogni giorno tante sollecitazioni per iniziative da portare avanti – ha detto Nardella, rivolto alla platea di studenti – Ma voi ragazzi vi fate sentire poco, gli anziano molto di più. Alla fine il politico va dietro a chi si fa sentire di più e capita che se ho cento euro da stanziare lo dia al comitato di turno. Quindi il mio invito è: fatevi sentire”. E i ragazzi del Gobetti Volta lo hanno preso in parola subissandolo di proposte e richieste.

Rispondi