“Scriviamo insieme il futuro di Bagno a Ripoli”: il Pd consulta i cittadini sul programma (sabato 24 novembre all’Acli di Grassina)

Sette tavoli tematici e un confronto aperto a tutta la cittadinanza per costruire il programma a sostegno della candidatura del sindaco uscente Francesco Casini alle prossime elezioni amministrative. Sono questi i contenuti che stanno alla base della conferenza programmatica che il Pd di Bagno a Ripoli ha organizzato per sabato 24 novembre al circolo Acli di Grassina a partire dalle ore 16.

“Diamo adesso – spiega il segretario comunale Francesco Pignotti – inizio alla fase di costruzione vera e propria del programma, aprendo la discussione a tutti coloro che vivono e operano nel comune. Ci rivolgiamo dunque tanto alle forze politiche che si riconoscono in una proposta politica di centrosinistra quanto alle associazioni, alle forze civiche e sociali del territorio e a tutti i cittadini che vorranno portare il proprio contributo”.

Per questo il Pd ripolese ha pensato di organizzare la conferenza programmatica promuovendo sette tavoli tematici di lavoro, coordinati e animati da assessori, consiglieri comunali uscenti e membri della segreteria incentrati sui seguenti argomenti:

1. Governo del territorio, mobilità ed edilizia scolastica
2. Scuola e cultura
3. Sociale e sanità
4. Ambiente, decoro e lavori pubblici
5. Promozione del territorio e attività produttive
6. Cittadinanza e sicurezza
7. Sport e associazionismo

“Sarà il partito – conclude Pignotti – a fare sintesi degli stimoli ricevuti per trasferirli materialmente all’interno del programma che sarà condiviso e discusso con le altre forze politiche che vorranno far parte della coalizione di centrosinistra, alla luce anche delle loro proposte programmatiche. Siamo profondamente convinti che in questo modo potremo davvero avere un protagonismo diffuso nella costruzione del futuro del nostro territorio e dare concretamente vita a quel percorso di partecipazione che, da sempre, abbiamo detto di considerare base essenziale per il programma di governo dei prossimi cinque anni”.

Rispondi