Bagno di folla per il sindaco Casini, ma i cittadini chiedono una piscina vera (fotogallery)

 

“Il meglio deve ancora venire”: il titolo della canzone di Ligabue diventa slogan elettorale per il sindaco Francesco Casini, che si ricandida a guidare il Comune di Bagno a Ripoli per altri cinque anni.

La grande sala della Casa del popolo di Grassina strapiena: in 650 hanno partecipato, ieri sera, alla “cena delle idee”, organizzata dal sindaco per raccogliere proposte, suggerimenti e critiche dei cittadini. Sui tavoli un depliant con un lungo elenco delle cose fatte, una scheda per dare voti e giudizi tema per tema ed un’altra per indicare proposte.

Dai primi dati pare che la richiesta più gettonata da parte dei cittadini sia la realizzazione di una piscina. Insomma, va bene il bagno di folla, ma al sindaco la gente chiede di avere un impianto per nuotare davvero. “Non è un’idea strampalata – ha commentato dal palco Casini – Se questa è l’esigenza, nel prossimo quinquennio si può fare. Stiamo rivedendo in questi giorni gli strumenti urbanistici del Comune e vedremo se è possibile inserire la previsione di una piscina”. In realtà pare che un’area sia già stata individuata.

“Va fatta a Grassina, nella zona di Bubè, così quelli dell’Antella devono fare più strada per arrivarci”, ha scherzato, giocando sul campanilismo, Sergio Forconi, salito sul palco insieme all’attore Andrea Bruno Savelli per allietare la sserata con qualche battuta.

Una riflessione: se l’esigenza più urgente di Bagno a Ripoli è la piscina, significa che viviamo in un territorio in cui problemi seri, fortunatamente, non ce ne sono…

Altre proposte emerse dallo scrutinio delle schede: la pedonalizzazione di piazza Peruzzi, all’Antella (“E’ un po’ complesso ma se ci si lavora…”, ha commentato il sindaco); portare la tramvia fino a San Donato (“Sarà dura”); uno stadio nuovo per il Grassina in corsa per la promozione in serie D.

Immancabile un accenno alla Variante di Grassina da parte del giornalista Giacomo Guerrini, incaricato di fare qualche domanda al sindaco. “Entro l’estate sarà fatto il bando per il nuovo appalto – ha confermato Casini – E nel nuovo contratto verrà tenuto conto che occorre recuperare almeno parte del tempo perso. La Variante dovrà essere ultimata entro il 2022”.

Fra i commensali il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani, il presidente della Fiorentina Women’s Sandro Mencucci, gli stilisti Tony Scervino e Ermanno Daelli. Perfetta l’organizzazione della serata da parte della struttura del Pd ripolese. Assessori, consiglieri comunali, segretari di circolo e militanti si sono impegnati per servire ai tavoli i piatti preparati dalla Siaf e per raccogliere i rifiuti della cena in maniera differenziata. “Posate, piatti, bicchieri: tutto materiale biodegradabile – dice con orgoglio l’assessore all’ambiente Enrico Minelli – Abbiamo fatto un solo sacco di rifiuti indifferenziati”.

Chiusura della manifestazione ancora affidata alle note di Ligabue. “Il meglio deve ancora venire…”, canticchiano in molti. Un ritornello orecchiabile che i cittadini terranno a mente.

 

1 Commento

  1. Non è che ci sono troppe bandiere del partito? 🤣

Rispondi