Sette nuovi minibus di Li-nea per i collegamenti sul territorio di Bagno a Ripoli

Il sindaco di Bagno a Ripoli, Francesco Casini, tra l’assessore Paolo Frezzi (a destra) e il direttore di Li-nea Spa, Fabrizio Fantechi.

Li-nea Spa immette nel proprio parco mezzi sette nuovi minibus urbani che sono stati inaugurati oggi dal sindaco di Bagno a Ripoli, Francesco Casini, dall’assessore Paolo Frezzi e dal direttore di Li-nea Spa, Fabrizio Fantechi. Con questa acquisizione si concretizza il rinnovo del 6% del proprio parco bus previsto dal vigente contratto ponte siglato nel 2017 dalla Regione Toscana con tutti gli operatori del trasporto pubblico. Tra i vari punti, il contratto include il “Programma rinnovo bus” da completare entro fine 2019: l’azienda di trasporto pubblico adempie così in anticipo, con risorse proprie e senza alcun contributo pubblico, alle prescrizioni dell’accordo. In questo caso i mezzi potranno essere impiegati nei diversi Comuni serviti, ma opereranno prevalentemente nel Comune di Bagno a Ripoli che, in attesa dei nuovi assetti della mobilità metropolitana, ha puntato concretamente alla costruzione di una rete di servizi su gomma più capillare e moderna.

“Migliora la qualità del parco macchine al servizio del territorio – ha detto il sindaco Francesco Casini -. Ringraziamo Li-nea per la collaborazione. L’azienda si è mostrata attenta alle istanze che come Amministrazione abbiamo portato avanti a nome dei cittadini, desiderosi di mezzi nuovi, più ecologici, confortevoli e spaziosi. Un gioco di squadra che fa bene al trasporto pubblico locale e quindi a tutta la nostra comunità. Insieme a Li-nea – ha concluso – siamo anche a lavoro per reperire un’area di deposito sul territorio dove i mezzi possano stazionare ma anche ricevere manutenzione e assistenza così da essere sempre più operativi ed efficienti”.

I mezzi, sette nuovi minibus da otto metri di ultima generazione, modello Mobi, con 40 posti ciascuno, sono prodotti da Iveco Indicar e sono alimentati a gasolio con emissioni Euro 6 C. Sono tutti dotati degli apparati di monitoraggio del servizio e di protezioni attive per la sicurezza.

Rispondi