Comitato Vivere all’Antella: su Facebook derby tra vecchio e nuovo

Comitato-nuovo Comitato-vecchio

 

 

 

C’è un Comitato Vivere all’Antella o ce ne sono due? A dare un’occhiata su Facebook il dubbio sorge. Infatti se provate a scrivere il nome nella finestrella  “cerca persone” vi si presenta un doppio risultato: uno sotto la voce persone, l’altro sotto la voce pagine. Quello alla voce persone risulta presente su Fb dal maggio 2013, è sotto forma di gruppo con 372 “amici” ed ha come foto simbolo una veduta del paese di Antella e il disegnino di una mamma con bambini. Il secondo è appena sbarcato sul social, è in forma di pagina, registra una novantina di “mi piace”, ha scelto come foto simbolo una vecchia immagine della chiesa dell’Antella e il logo del Comitato che si è recentemente ricostituito con nuovi socie e nuovo consiglio direttivo.

E’ evidente che il “gruppo” risale al vecchio comitato, mentre la “pagina” è stata voluta dal nuovo. La doppia presenza su Facebook, però, può creare confusione. Il sindaco Casini ha postato nei giorni scorsi un messaggio di benvenuto al rinnovato Comitato Vivere all’Antella sulla vecchia pagina, probabilmente perché la nuova ancora non era presente. Ma a questo punto non si capisce perché sia stata creata una nuova presenza su Fb anziché sfruttare quella già esistente. A meno che la gestione della vecchia pagina del Comitato sia in mano a qualcuno che non fa parte del nuovo. Una sorta di “pagina ombra” sulla quale andrebbe fatta chiarezza. Questo “derby” sul social può essere fonte solo di problemi e dissapori.

1 Commento

  1. In attesa di fare chiarezza su Facebook, chiedendo gentilmente all’Amministratore dell’altra pagina di Facebook di chiuderla, preciso che la pagina ufficiale del Comitato Vivere all’Antella è quella recentemente creata nella quale peraltro appare il logo depositato del Comitato Vivere all’Antella.
    Preciso altresì che l’altra pagina presente dal maggio 2013 è stata creata su iniziativa privata e non su volontà del vecchio Comitato.
    Tutti ciò porta inevitabilmente ad una situazione di confusione che mi auguro possa essere risolta con buonsenso da chi l’ha creata senza costringere ad ulteriori passi il Comitato.
    Il presidente del Comitato Vivere all’Antella
    Paolo Viagi

Rispondi