Autostrada: offro il mio posto nella Commissione Terza corsia ad un grillino di buona volontà

PoltronaOffro il mio ruolo nella Commissione speciale sulla Terza corsia autostradale ad un “cittadino” indicato dal Movimento 5 Stelle. Ovviamente io non ho la disponibilità del posto in commissione, è il Consiglio comunale di Bagno a Ripoli, che ne approvò all’unanimità la composizione attuale, a dover scegliere. Però io posso dare la mia disponibilità a dimettermi in modo da permettere un subentro. Ho letto in questi giorni un post su Facebook di Luciano Battaglini che lamentava il mancato inserimento in Commissione, nonostante le richieste, di qualcuno indicato dal M5S. Siccome stimo Battaglini per la sua preparazione, la sua moderazione e la sua onestà intellettuale, anche se spesso non ne condivido le posizioni, dichiaro ufficialmente la mia disponibilità a “cedergli” il mio posto. Potrà così rendersi conto personalmente, e rassicurare gli altri cittadini che con lui condividono l’esperienza grillina, della serietà e della trasparenza con cui ha sempre lavorato e lavora la Commissione sulla Terza corsia. Il cui scopo, ci tengo a ricordarlo, non è quello di giudicare se l’opera va fatta o meno e neanche quella di valutare progetti e lavorazioni, ma esclusivamente avere “funzioni di raccordo e collegamento fra la cittadinanza e l’Amministrazione comunale nella risoluzione delle problematiche che potranno sorgere nel corso della realizzazione”. Io sono a disposizione, fatemi sapere.

3 commenti

  1. Il gesto ti fa onore Francesco. Di sicuro la mia opinione conta poco ma credo di poter dire che nei contenuti Luciano rappresenti molti di noi e almeno la condivisione sarà salva…!

  2. maurizio giachetti

    Caro Francesco, il gesto ti fa doppio onore anche se personalmente credo che tu sia insostituibile anche perche’, come hai affermato e sottolineato la Commissione ha “funzioni di raccordo e collegamento fra la cittadinanza e l’Amministrazione comunale nella risoluzione delle problematiche che potranno sorgere nel corso della realizzazione” e ci siamo sempre attenuti, tutti, a questo compito istituzionale. Un qualsiasi ricambio non mi garantisce personalmente a sufficenza il percorso da seguire su questa direttrice, indipendentemente dal valore della singola persona che peraltro non conosco, ma visti anche il polverone e i tanti proclami sterili e quindi inutili sollevati di volta in volta da tempo e anche adesso dal movimento a cui vorresti lasciare il tuo posto,

  3. pier luigi zanella

    c’è una alternativa: chiedere al consiglio comunale di inserire una figura in più. Non guasterebbe ed è possibile come (comunque) è possibile assistere alle commissioni che sono pubbliche e poi coordinarsi con membri disponibili a condividere idee. Naturalmente se si desiderasse un “subentro”, le dimissioni si possono dare irrevocabilmente, senza condizionarle a sostituzioni gradite dal dimissionario; in questo caso, il consiglio comunale saprebbe ben scegliere come a fatto fino ad ora

Rispondi