Il sindaco Casini: “Ecco perché ho respinto le dimissioni di Cellini. Slealtà da parte di Sinistra italiana”

Il sindaco Francesco Casini (nella foto) ha motivato la decisione di respingere l’offerta di dimissione dell’assessora alla sviluppo economico Francesca Cellini, dopo la sua decisione di uscire da Sinistra italiana: “Non ci sono motivi per interrompere il lavoro portato avanti dall’assessore Francesca Cellini, nello spirito di squadra e di grande coesione con cui questa amministrazione comunale sta operando, una squadra di cui Francesca Cellini fa parte a pieno titolo fin dal primo giorno. Francesca Cellini con questo suo atto ed uscita da Sinistra italiana ha ancor di più tutta la fiducia mia e degli altri componenti della giunta. Continueremo con lei insieme questo percorso e non lasceremo certo che nessuno rovini né la nostra squadra di governo ne quanto costruito sino ad oggi per Bagno a Ripoli”. Il sindaco ha commentato anche i rapporti tesi all’interno della maggioranza: “Il destino di Si è tutto nelle loro mani e nelle loro azioni. Io per il bene di Bagno a Ripoli voglio persone serie vere che sappiano discutere e dissentire ma con lealtà. Cosa che è mancata in maniere palese ultimamente. Saranno loro stessi a decidere il proprio futuro e sarà il Pd che valuterà, noi siamo robusti con 12 consiglieri”.

Leggi anche: Sinistra italiana sull’addio della Cellini

 

2 commenti

  1. L’assessore si dimette, ma in realtà no. SI vota contro, ma non va all’opposizione.
    Il tutto condito da distinguo e varie superc…le di tognazziana memoria.
    Ma un po’ di coerenza no?
    Il PD stia dov’è, SI vada all’opposizione !

Rispondi