Da lunedì (17 ottobre) in Comune si potrà esprimere la propria volontà sulla donazione di organi

dona“Una Scelta in Comune”: da lunedì 17 ottobre tutti i cittadini maggiorenni in possesso di carta di identità e i cittadini stranieri con regolare documento di riconoscimento e tessera sanitaria validi potranno esprimere la propria volontà sulla donazione di organi e tessuti rivolgendosi ai servizi demografici (anagrafe e stato civile) e all’ufficio relazioni con il pubblico del Comune di Bagno a Ripoli.
Come? Se si deve rinnovare la carta di identità, ci si può rivolgere direttamente all’ufficio anagrafe, se si ha la carta di identità valida, ma si vuole comunque esprimere il consenso, si può fare anche all’ufficio relazioni con il pubblico (Urp).
“In Italia, nel 2015, sono stati effettuati 3.317 trapianti, 67 in più rispetto al 2014 e 228 rispetto al 2013, mentre i pazienti in lista d’attesa erano 9.070; bastano queste due cifre per rendere chiaro a chiunque quanto sia preziosa la donazione d’organi e importante l’opera di sensibilizzazione per diffondere tale cultura – afferma il sindaco Francesco Casini –Un’opera che la nostra amministrazione comunale sta portando avanti in modo concreto, in collaborazione con l’Azienda Usl Sud Est e Toscana Centro, anche favorendo una capillare azione di informazione insieme alle associazioni di volontariato, in primo luogo Aido e Admo (Associazione Donatori Midollo Osseo). Il Coordinamento Donazioni e Trapianti della Azienda Usl Toscana Centro già da tempo sta lavorando assiduamente alla diffusione di questo messaggio su tutto il territorio di competenza, anche attraverso percorsi formativi nelle scuole secondarie di secondo grado. 
Il nostro Comune aderisce con sincera e vigorosa partecipazione quindi all’iniziativa regionale ‘Una scelta in Comune’, grazie alla quale si possono salvare potenzialmente almeno fino a sette vite per ogni donatore. Bisogna che massimo e capillare sia lo sforzo informativo, particolarmente dopo che la legge ha assegnato un ruolo centrale al Comune in tale servizio. In tal senso, anche il momento del rinnovo della carta di identità può diventare un’opportunità. Per gli altri sì, ma ricordando che ‘gli altri siamo noi’. Ringraziamo l’Azienda Usl Toscana Sud Est, quale referente regionale, e l’Azienda Usl Toscana Centro, che, attraverso i Coordinamenti Locali Donazioni e Trapianti, hanno seguito il progetto con la giusta e concreta capacità e tenacia. Da parte nostra, forte l’invito a compiere un semplice gesto di umanità e di generosità, di conoscenza e di coscienza, un investimento per la vita”.

Rispondi