Bagno a Ripoli: non decolla la raccolta differenziata. Il confronto con gli altri comuni

Nonostante il porta a porta a Grassina, i bidoncini nelle aree collinari e la presenza dell’ecostazione di Campigliano, il bilancio della raccolta differenziata rifiuti a Bagno a Ripoli nel 2016 non è esaltante. Lo rivelano i dati diffusi da Quadrifoglio.

La percentuale delle raccolte differenziate dei comuni serviti da Quadrifoglio ha fatto registrare nel 2016 un incremento dell’1,86% rispetto a quella del 2015. I comuni più ricicloni sono Tavarnelle che ha superato l’84%, San Casciano l’82%, Impruneta il 76%, Fiesole e Sesto Fiorentino il 66%, i rimanenti comuni si assestano tra il 65,88% di Calenzano ed il 54,79% di Campi Bisenzio. La percentuale di raccolta differenziata, rispetto all’anno 2015, registra incrementi nei comuni di Greve con +4,76%, Sesto Fiorentino con +2,93%, Firenze con + 2,19%, i rimanenti comuni si assestano tra il +1,93% di San Casciano ed il +0,80% di Bagno a Ripoli. Registrano addirittura una riduzione Fiesole con -5,13%, Calenzano con -2,95% e Tavarnelle con -2,92%.

Raccolta differenziata: ecco la classifica fra i comuni serviti da Quadrifoglio (gennaio-dicembre 2016)

Tavarnelle 84,63%
San Casciano 82,24%
Impruneta 76,80%
Fiesole 66,80%
Sesto 66,67%
Calenzano 65,88%
Greve 64,38%
Bagno a Ripoli 60,56%
Signa 57,00%
Firenze 56,14%
Scandicci 54,80%
Campi 54,79%
Media area 59,21%

Raccolta differenziata: variazione percentuale 2016/2015

Greve +4,76%
Sesto + 2,93%
Firenze +2,19%
San Casciano +1,93%
Campi +1,83%
Signa +1,48%
Scandicci +1,05%
Impruneta +0,99%
Bagno a Ripoli +0,80%
Tavarnelle -2,92%
Calenzano -2,95%
Fiesole -5,13%
Media area 1,86%

La produzione complessiva dei rifiuti, nel 2016, ha fatto registrare un incremento del 1,96% rispetto al 2015. Quasi tutti i comuni registrano un incremento della produzione, la più considerevole è quella  di Sesto Fiorentino con +16,14%, seguono Fiesole con +13,06%, Calenzano con +6,96%, Impruneta con +6,78%, Signa con +5,59%, i rimanenti comuni si assestano tra il +3,53% di San Casciano ed il +0,09% di Campi Bisenzio. Bagno a Ripoli +0,27%. Registrano una riduzione il Comune di Tavarnelle con -3,51%, Greve con -2,70%, Scandicci con -0,41% e Firenze con –0,23%.

L’assessore all’ambiente Enrico Minelli

I rifiuti indifferenziati nel 2016 hanno fatto registrare una riduzione di -1,69% rispetto all’anno 2015. Tra i comuni che registrano un incremento, il più considerevole è quello di Fiesole +28,09%, segue Calenzano +14,65%, Tavarnelle +8,93%, Sesto Fiorentino +8,84%, Impruneta  +3,59%, Signa +2,60%. Registrano una riduzione Greve -11,87%, Firenze -4,14%, Campi Bisenzio -3,18%, San Casciano -3,10%, Scandicci -2,30% e Bagno a Ripoli -1,39%.

I rifiuti differenziati nel 2016 hanno fatto registrare un incremento del 5,49% rispetto all’anno 2015. Quasi tutti i comuni registrano un incremento della produzione, tra questi si evidenziano Sesto Fiorentino +21,76%, Signa +8,52%, Impruneta cn +8,27%, San Casciano +6,14%, i rimanenti comuni si assestano tra il +5,70% di Greve e il +1,70% di Scandicci. Bagno a Ripoli +1,74%. Registra una riduzione Tavarnelle -6,91%.

1 Commento

Rispondi