Scatta la “No alcol zone” all’Antella: nel mirino i frequentatori del Pavoreal. Ecco cosa prevede l’ordinanza del Comune

L’ingresso alla serata El Pavoreal il venerdì sera

Lotta dura agli eccessi dei frequentatori della discoteca dell’Antella durante le notti tra il venerdì e il sabato. Nel mirino dell’Amministrazione comunale le serate “El Pavoreal” al Crc. Il sindaco ha firmato un’ordinanza nella quale si vieta per due mesi, da sabato 1 aprile a martedì 30 maggio, uso e vendita di alcolici in luoghi pubblici in tutta la frazione di Antella e si intima ai titolari della discoteca di provvedere alla pulizia della zona dopo il rientro a casa dei discotecari, non tutti ligi all’educazione.

Nell’ordinanza firmata ieri, mercoledì 29 marzo, dal sindaco Casini si usano termini molto duri nei confronti di questo fenomeno che ormai da tempo affligge l’Antella, scatenando continue polemiche. Anche QuiAntella se ne è occupato più volte. 

Controlli anti alcol nel parcheggio accanto alla Coop

L’ordinanza descrive la discoteca come inserita “in un contesto urbanistico molto sensibile e delicato e tale da dover essere tutelato ai fini della civile convivenza e del rispetto della sicurezza pubblica e dello stesso ordine pubblico”. Ammette che “nonostante l’opera di vigilanza e contrasto svolta dagli organi di vigilanza, perdurano situazioni di degrado del decoro urbano ed igiene pubblica, dovuta all’abbandono in spazi pubblici e privati, di bottiglie contenitori di vetro e plastica carta e cartone, nonché lattine e simili, per i quali molti cittadini si sono lamentati, condizione che sta mettendo a rischio anche la sicurezza pubblica ed il decoro ambientale; circostanze che si verificano principalmente dalle ore 22.00 del venerdì sera alle 6.00 del sabato mattina”. Denuncia una situazione di “grave degrado per il decoro urbano, oltre a costituire grave pericolo per l’incolumità pubblica, la sicurezza urbana e la civile convivenza, in quanto sono possibili situazioni di attrito tra la la popolazione residente ed i frequentatori della discoteca”. Mette in risalto la “diffusa attitudine ad eccedere nel consumo di bevande alcoliche da parte dei frequentatori del locale ancor prima di farvi ingresso”. Ricorda che negli ultimi fine settimana si sono verificati episodi che hanno accentuato il problema. Da qui la “necessità di intervenire tempestivamente prima dell’insorgenza di fenomeni di disordine, rischiosi per la sicurezza pubblica ed il degrado urbano ed ambientale, dovuti principalmente all’abuso di bevande alcoliche e non, i cui contenitori poi vengono abbandonati e possono costituire potenziale pericolo per l’incolumità pubblica, in quanto le bottiglie o i contenitori possono essere trasformati in oggetti atti ad offendere”. 

Ecco in dettaglio le disposizioni contenute nell’ordinanza del Comune:

Controlli anti alcol nei giardini della Resistenza

Dal 1 aprile al 30 maggio (esclusivamente nei fine settimana dalle ore 22.00 del venerdì alle 06.00 del sabato ) assoluto divieto di consumo in area pubblica di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione, ovvero di bevande e di alimenti forniti in contenitori o bottiglie di vetro o plastica, lattine o altri contenitori simili, nella frazione di Antella, e precisamente:
• Via Carnia, compresa area parcheggio;
• Via Brigate Partigiane: da int. via Carnia ad int. via Togliatti;
• Via Togliatti, comprese aree parcheggio;
• Giardini Parco della Resistenza;
• Piazza U. Peruzzi;
• Via U. Peruzzi, da int. via Labriola ad int. via dell’Antella;
• Via dell’Antella, da int. via Peruzzi a Piazza U. Peruzzi, comprese aree parcheggio;
• Via Simone degli Antelli;
• Via di Montisoni fino ad area cimiteriale, comprese aree parcheggio pubbliche ed aperte all’uso pubblico (parcheggio Misericordia);
• Largo San Manetto compresi giardini pubblici ivi presenti;
• Via di Pulicciano: da Piazza U. Peruzzia ad int. via di Picille comprese aree parcheggio, pubbliche (scuola Michelet) ed aperte all’uso pubblico (parcheggio Casa del Popolo) ed interni aperti al pubblico passaggio (porticato farmacia ed esercizi pubblici e strada lato Coop);
• Via Fratelli Bandiera;
• Via della Torricella, da int. via di Pulicciano fino a civ. n. 3A;
E’ vietato altresì nelle vie in elenco, l’abbandono di bottiglie o contenitori di vetro o plastica, lattine, vassoi e simili, al fine di evitare situazioni di degrado al decoro urbano, ambientale ed igiene pubblica nelle aree sopra specificate, nonché possibili pericoli per l’incolumità e la sicurezza delle persone e del patrimonio pubblico e privato. E’ vietata la vendita per asporto di alimenti o bevande alcoliche e non, fornite in contenitori o bottiglie di vetro o plastica, lattine o contenitori simili da parte di bar, esercizi di somministrazione alimenti e bevande, esercizi commerciali ed artigianali, ubicati nella zona sopra specificata, nelle fascia oraria oggetto dei divieti di cui sopra. Escluse dal divieto le somministrazioni con servizio al tavolo o al banco, negli spazi appositamente organizzati per tale attività, fatto salvo il divieto di somministrazione e consumo in qualunque modalità di bevande alcoliche a partire dalle ore 3.
Entro le 06.00 del sabato mattina, nelle strade e vie in elenco, dovrà essere assicurata la pulizia da tutti i rifiuti eventualmente lasciati dai frequentatori della discoteca; pulizia da eseguirsi a carico degli esercenti l’attività della discoteca di Antella denominata “ El Pavoreal”.

“Si stringe l’alleanza tra istituzioni, forze dell’ordine, gestori dei locali e cittadini. Con questa ordinanza, diamo un giro di vite all’uso di alcool per le strade, al di fuori degli spazi della discoteca – dice il sindaco Casini -. Ci tengo a precisare che la collaborazione da parte dei gestori del locale è stata massima, da sempre hanno dato grande disponibilità a gestire un divertimento sano. Si sono impegnati ad aumentare i controlli con il loro personale di sicurezza esterno, e ci saranno ulteriori interventi delle forze dell’ordine, con una collaborazione tra Polizia municipale e Arma dei Carabinieri. Con questo provvedimento non diciamo no al divertimento dei nostri giovani, ma incentiviamo un divertimento consapevole, nel rispetto della legalità e della sicurezza e del decoro urbano”.

Rispondi