Ecco come gli alunni della scuola Redi vedono la protezione civile (fotogallery)

Case costruite con il cartone, plastici, aquiloni e fumetti per insegnare i comportamenti corretti da tenere in caso di emergenza. Sono i lavori realizzati dalle studentesse e dagli studenti della scuola secondaria di primo grado “Francesco Redi” di Bagno a Ripoli durante il laboratorio creativo che ha chiuso il ciclo di lezioni dal titolo “Protezione civile nelle scuole” effettuato durante l’anno scolastico nelle seconde classi dell’istituto per un totale di circa duecento ragazzi coinvolti. A ideare e organizzare il progetto sono stati gli operatori del Centro intercomunale di Protezione civile “Arno Sud-Est Fiorentino”, con l’obiettivo di educare gli alunni alla cultura dell’emergenza rendendoli consapevoli delle buone pratiche da adottare per la propria sicurezza e quella degli altri in caso di necessità, ad esempio in caso di sisma, di una calamità naturale o di un incidente.
Accanto alle lezioni teoriche (tre quelle frontali che si sono svolte nel periodo tra ottobre e aprile) era in programma una visita presso le centrali e le sedi degli operatori in emergenza. Le studentesse e gli studenti della “Redi” si sono recati alla centrale del Lamma, il consorzio tra la Regione Toscana e il Cnr che si occupa prevalentemente di meteorologia e climatologia, alla centrale del 118 Firenze Soccorso, alla sede provinciale dei Vigili del Fuoco, presso la centrale della Polizia di Stato in Questura e alla centrale operativa dei Carabinieri. Grande attenzione, poi, durante il ciclo formativo, è stata rivolta ai nuovi strumenti e ai nuovi canali di comunicazione, a partire dai social network e le App di Protezione civile per smartphone e tablet.
Stamani la presentazione degli elaborati di fine anno, con un’iniziativa aperta alle famiglie degli alunni ospitata presso la scuola e la consegna ai ragazzi della “Redi” degli attestati di partecipazione al progetto. Presenti il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini, il responsabile della Protezione Civile di Bagno a Ripoli e del Centro intercomunale (C.I.) di Protezione Civile “Arno Sud-Est Fiorentino” Roberto Fanfani, gli operatori del C.I. Benedetta Finocchi e Francesco Gioia e ovviamente il dirigente scolastico Marco Panti e il corpo docente, fra cui il professor Marco Bartolini, coordinatore del progetto per la scuola.

Rispondi