All’Antella rivive la Festa della Battitura

Far rivivere una antica tradizione e tornare a farla essere un appuntamento fisso del territorio per grandi e piccini. È questo l’obiettivo della 1a “Festa della Battitura”, in programma domenica 30 luglio, presso l’azienda agricola Monna Giovannella di Antella, che ha organizzato l’evento in collaborazione con La Bottega di Gabri, l’Associazione Grani Antichi di Bagno a Ripoli ed eChianti, con il patrocinio della Regione Toscana, della Città Metropolitana di Firenze e del Comune di Bagno a Ripoli e la concessione dell’uso del marchio del Consiglio regionale della Toscana.

“La ‘battitura’- spiegano gli organizzatori – rappresentava la separazione dei semi dalle spighe ed era la fase finale del lavoro di un’intera campagna agricola che partiva dalla semina delle varie tipologie di grani antichi. Tale operazione avveniva utilizzando la trebbiatrice, un tempo detta anche ‘macchina per battere il grano’, e in occasione della festa sarà possibile vederne una, alimentata da una vecchia macchina a vapore, appositamente risistemata e funzionante proprio come un tempo”. I mezzi agricoli sono stati messi a disposizione dal Comune di Bagno a Ripoli.

La festa si svolgerà nell’arco di tutta la giornata (dalle 10 alle 24), sarà a ingresso libero e prevederà una serie di iniziative, dai laboratori didattici agli approfondimenti con esperti del settore agroalimentare, dalla cucina secondo le antiche tradizioni ai giochi d’epoca, per finire con la prova dei pony, i canti della tradizione e i butteri maremmani, che saranno una costante dell’intera giornata.

Programma dettagliato

  • ore 10:30 – laboratorio didattico di panificazione, a cura de La Bottega di Gabri
  • ore 11 e di nuovo ore 15:30 – “Parliamone con l’Esperto”: “I grani antichi”, a cura del Professore Associato Stefano Benedettelli, Dipartimento di Scienze Produzioni Agroalimentari e dell’Ambiente (Dispaa) dell’Università degli Studi di Firenze; “La transumanza in Toscana”, a cura dell’Associazione Cavalcanti della tradizione
  • ore 11:30 – “Preparazione dell’antica battitura”, creazione della barca formata dai covoni di grano legati e tagliati a misura ed accensione della vaporiera
  • ore 16:30 – “Antica Battitura”, messa in moto della vaporiera e della trebbia
  • ore 16:30 – 19:30 “Battesimo della sella” sui pony per i bambini a cura del Centro Ippico Il Rospetto di Bagno a Ripoli
  • ore 17:30 – dalla cucina merenda con i “Bomboloni Atomici” della Bottega di Gabri

Dalle 11 alle 20 saranno presenti i butteri dell’Associazione Cavalcanti della Tradizione assieme ai loro cavalli.

Ai partecipanti è vivamente consigliato di portare coperte e cuscini per poter godere dell’ombra degli ulivi dell’azienda. La partecipazione alle attività è gratuita, ma è gradita la prenotazione.

Dalle 12 alle 15 e dalle 19 alle 22 i partecipanti potranno gustare a modici prezzi i piatti della tradizione contadina ed avranno a disposizione una selezione di vini di eccellenza oltre alle birre artigianali della Fattoria Monna Giovannella per accompagnare le loro pietanze.

Per tutte le informazioni è possibile rivolgersi a eChianti tel. 055.64.22.59, cell. 328.769.42.43 o via mail festabattitura@echianti.it.

“La Festa della Battitura sarà un tuffo nel passato del nostro territorio. Un modo – dice il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini – per riscoprire le tradizioni contadine che fino a pochi decenni fa accomunavano larga parte della nostra popolazione. Ma anche un incentivo a tenerle vive e tramandarle, e a valorizzare la passione per la terra, le nostre campagne e l’attività agricola. Un settore che ancora oggi può dare tanto all’economia del territorio e che la nostra amministrazione cerca di incentivare con molteplici misure, a partire dal supporto alle giovani generazioni che hanno avuto il coraggio di ritornare alla terra fino al Museo dell’arte contadina, che è nostra intenzione rilanciare. Grazie agli organizzatori per questa bellissima iniziativa che ci auguriamo possa diventare un appuntamento fisso e che richiami un numero sempre maggiore di persone”.

Rispondi