“Bravo Porco!”: il Comune lancia la campagna contro rifiuti abbandonati e degrado

La prima segnalazione: rifiuti ingombranti abbandonati accanto alla colonica in via di Pulicciano, qualcuno si è disfatto del salotto

L’operazione “Bravo Porco!” partira il 3 settembre: nel mirino discariche abusive, abbandono di rifiuti, zone di degrado nel territorio di Bagno a Ripoli. L’iniziativa, decisa dal sindaco Francesco Casini, deve ancora essere messa a punto nei dettagli, ma l’obiettivo è chiaro: coinvolgere i cittadini nel miglioramento dell’ambiente che ci circonda.

“Invitiamo i tutti i ripolesi a collaborare segnalandoci rifiuti abbandonati, zone trasformate in discariche abusive o comunque degradate purché  in aree pubbliche e sul ciglio delle strade – spiega il sindaco Casini – Noi ci impegneremo come Comune, insieme ad Alia, la società di raccolta rifiuti, per interventi mirati. Però vogliamo coinvolgere i cittadini in questa iniziativa invitandoli a collaborare con l’Amministrazione comunale nella pulizia in particolare dei giardini e delle aree verdi. Questo avverrà il 7 ottobre, in occasione di una giornata dedicata all’educazione ambientale. Forniremo a tutti coloro che si dichiareranno disponibili un kit con il materiale necessario alla pulizia”.

In quell’occasione si chiuderà questa prima fase di “Bravo Porco!”, ma nelle intenzioni del sindaco c’è di replicare l’iniziativa a breve distanza di tempo. Tutti coloro che hanno segnalazioni da fare, anche allegando foto, potranno inviare una mail ad un apposito indirizzo di posta elettronica che verrà indicato nei prossimi giorni.

2 commenti

  1. Bravo sindaco sarà dura ma vale la pena impegnarsi. Non so se è possibile fare qualche iniziativa per educare i cittadini a usare l’isola ecologica, sarebbe interessante.

  2. Sarà dura, concordo con Paolo.Io ho fatto tanti reclami agli uffici di competenza della raccolta rifiuti, da anni indietro fino a oggi,senza risolvere nulla,infatti i bidoncini dove abito sono ancora delle vere e proprie discariche,e pensare che l’isola ecologica si trova a meno di un Km.

Rispondi