Anche LeU accetta l’invito al “pranzo per l’unione della sinistra”, ma pone una condizione

Dopo il Pd, anche Liberi e Uguali ha deciso di accettare l’invito al “ranzo per l’unità dela sinistra” lanciato da Mario Orlandi, ex presidente del Circolo Arci l’Unione di Ponte a Ema. Ma ponendo una condizione.
“Abbiamo ricevuto l’invito al «pranzo di unione e socializzazione» in programma al Circolo L’Unione di Ponte a Ema e te ne ringraziamo – scrive Eleonora Padula (nella foto), coordinatrice Liberi e Uguali Bagno a Ripoli – Le parole con cui presenti l’iniziativa sono alte e generose. Certo, a noi pare che il discorso sull’unità delle forze democratiche sia da articolare un po’ meglio, perché ricondurre la catastrofe attuale alla divisione della sinistra e allo spirito settario che ne animerebbe le componenti non riflette la verità dei fatti: la storia e i numeri delle ultime elezioni stanno a dimostrare che la divisione – comunque non determinante, per la sconfitta del 4 marzo – è semmai il frutto dei gravi errori d’impostazione politica perseguiti negli ultimi anni, in primo luogo da parte di chi quell’impostazione erronea ha apertamente teorizzato e coerentemente praticato dalle massime responsabilità di governo. 
Senza la presa d’atto di quello che si è rivelato senz’altro un fallimento di linea, senza la disponibilità a correggere la rotta, ogni discorso unitario, pur importante, girerebbe a vuoto: una convergenza su basi così fragili – fragili anche dal punto di vista quantitativo – non sarebbe affatto in grado di arginare l’onda di destra. Una sfilza di turni amministrativi, dal 2015 a oggi, ha infatti visto travolgere gli schieramenti “progressisti”, per quanto uniti essi fossero sulla scheda elettorale. In parole povere: l’unità tra i vecchi frammenti del centrosinistra è necessaria, ma non sufficiente. Il passato non tornerà. Urgono soluzioni, formule e persone nuove, come giustamente rilevi anche tu. Sono ragionamenti che crediamo animati da spirito costruttivo e che vorremmo riassumere, in un breve discorso, al pranzo in questione; com’è ovvio, altre forze e sensibilità politiche potrebbero svolgere, nell’occasione, le loro considerazioni. Se il programma dell’iniziativa prevede tale possibilità, saremo ben lieti di parteciparvi come Liberi e Uguali Bagno a Ripoli”.

Rispondi