Scoperto lo zozzone che ha scaricato rifiuti lungo il borro di San Giorgio

È stato identificato e multato dalla Polizia municipale di Bagno a Ripoli l’autore di un abbandono illecito di rifiuti lungo la strada del Borro di San Giorgio all’Antella. Si tratta di un cittadino straniero residente sul territorio comunale che adesso sarà multato con una sanzione di 600 euro e costretto a sostenere i costi per la bonifica dell’area per una cifra che si aggira intorno a 5000 euro. Oggetto dell’abbandono numerosi rifiuti ingombranti come scarti di cantiere, barattoli di vernice, mobili e soprammobili, una poltrona e un televisore. L’identificazione dell’autore dell’abbandono è stata ottenuta grazie all’attività di indagine degli agenti di Polizia municipale coordinata dal Comandante Filippo Fusi. Attraverso fonti confidenziali sono stati eseguite verifiche e riscontri sul materiale abbandonato che hanno permesso di risalire alla persona interessata. Sono in corso ulteriori accertamenti per approfondire altri eventuali profili di reato.

“Una piccola grande azione di legalità di cui siamo molto soddisfatti – dice il sindaco Francesco Casini -. Un ringraziamento agli ispettori ambientali, all’ufficio ambiente e in particolare agli agenti della Municipale per aver condotto un’indagine rapida ed efficace. Questo gesto serva come esempio per evitare che simili episodi si ripetano in futuro. Bene sapere che chi sbaglia paga, e paga anche salato, non si può far ricadere la propria inciviltà sui propri concittadini. Il controllo del territorio e il rispetto dell’ambiente sono una nostra priorità e dopo l’arrivo della telecamera mobile e il potenziamento del sistema di videosorveglianza a breve ci doteremo di nuovi strumenti tecnologici per impedire simili episodi”.

1 Commento

  1. Stefania Nardoni

    Troppo semplice fargli pagare la multa dovremmo vedere la sua faccia per non ritrovarselo in giro a scaricare nuova mercanzia e poi la bonifica dell’area la farei fare a lui con gli addetti e gli farei pagare non solo i costi ma 10 volte tanto

Rispondi